ItaBio, biologico made in Italy al top negli Usa

La  piattaforma ItaBio è promossa da Ice e Federbio. In un focus a cura Nomisma lanciato da ItaBio è emerso che il biologico made in Italy rappresenta il top della qualità per un terzo dei consumatori degli Usa. Il vino è il prodotto di punta. Il prossimo 29 gennaio 2021 un focus sulla Cina

Secondo partner commerciale per l’Italia nel food & beverage e primo al mondo per import agroalimentare e per il consumo di prodotti bio, gli Stati Uniti rappresentano uno dei mercati più promettenti per il nostro made in Italy. Lo pensa anche il 26% delle imprese bio intervistate da Nomisma per Ice e Federbio. I risultati dell’indagine sulle aziende assieme a quelli di una survey sul consumatore statunitense, sono stati presentati ieri, in occasione del lancio ufficiale del progetto ItaBio (vedi qui l'annuncio della piattaforma), piattaforma online di dati e informazioni per l’internazionalizzazione del biologico Made in Italy.

 

 

Il ruolo dell'export

Superiore a quella registrata dall’export agroalimentare nel suo complesso, la performance dell’export bio. Nel 2020 le vendite di prodotti agroalimentari italiani bio sui mercati internazionali hanno raggiunto i 2,6 miliardi di euro, mettendo a segno una crescita dell’8% rispetto all’anno precedente – crescita più accelerata rispetto all’export agroalimentare nel complesso (+4% registrata dall’export). Riconoscimento del bio made in Italy sui mercati internazionali testimoniato anche della crescita di lungo periodo (+149% rispetto al 2009) e dalla quota di export sul paniere made in Italy (6% sull’export agroalimentare italiano totale).

I numeri chiave

Con 4,6 miliardi di euro di esportazioni F&B italiane nel 2019 (+11% rispetto al 2018) gli Stati Uniti rappresentano il secondo mercato di destinazione del nostro agroalimentare.
Forte l’interesse verso il bio, e ne sono conferma i numeri del settore, tutti in crescita: 2 milioni di ettari coltivati secondo il metodo biologico nel 2018 (+14% rispetto al 2010) e 18.166 operatori nel comparto (+38% dal 2010 al 2018). Con un valore di quasi 45 miliardi di euro nel 2019 (+4,6% rispetto al 2018 e +158% sul 2010 – fonte: Organic Trade Agency – con una quota di vendite bio sul totale della spesa alimentare che sfiora il 6%), gli Stati Uniti rappresentano il primo mercato al consumo per prodotti alimentari BIO (oltre il 40% delle vendite mondiali nel 2018).
Alla base della crescita il maggior assortimento di prodotti a marchio bio nella grande distribuzione (5,8% l’incidenza del bio sul totale del carrello nel 2019, era solo 3,4% nel 2010), ma anche l’ampia consumer base, un diffuso interesse per il cibo salutare (65% dei consumatori scelgono avendo cura degli impatti del cibo sulla salute - sondaggio Nomisma) e per la salvaguardia dell’ambiente (il 25% dei consumatori la pandemia ha aumentare la consapevolezza dell’importanza di acquistare cibo rispettoso dell’ambiente – sondaggio Nomisma).

Il consumatore bio Usa

I dati del sondaggio sui consumatori di Nomisma rilevano una profonda diffusione del bio in Usa: quasi 9 famiglie su 10 (89%) hanno consumato un prodotto alimentare o una bevanda a marchio biologico nel corso del 2020, questa quota era dell’82% nel 2016. Tra gli altri fattori che danno degli Stati Uniti un mercato ad alto potenziale per il bio ci sono da un lato la quota di frequentatori assidui (40% sul totale) e il forte interesse per il bio che non si ferma al consumo domestico: il 76% dei consumatori riferisce di aver consumato un prodotto bio anche nel canale fuori casa.
Sicurezza alimentare (espressa da un terzo degli utilizzatori di prodotti biologici), qualità superiore (un ulteriore 25% ritrova principalmente questo tipo di garanzia) e attenzione per l’ambiente (22% complessivamente) sono le principali motivazioni dei consumatori americani alla base della scelta di prodotti biologici.
Garanzie che diventano ancora più importanti in questo periodo di crisi sanitaria, tanto che il 10% degli americani dichiara che il marchio bio è diventato un criterio più importante nella spesa alimentare rispetto al passato. Durante il 2020 il 6% ha iniziato ad acquistare bio per la prima volta mentre il 36% di chi era già users, ne ha incrementato la spesa.

Il made in Italy bio negli Usa

I consumatori statunitensi mettono l’Italia al primo posto nella classifica “origine di qualità”, sia relativamente ai prodotti alimentari in generale (28% indica “Italia” quando pensa alle eccellenze del food & beverage) che per quelli a marchio bio (26%).
Il 71% degli statunitensi percepisce una qualità superiore del prodotto bio tricolore rispetto a quello di altri Paesi, tanto che più di 8 su 10 sono disposti a pagare un prezzo più alto per avere la garanzia del made in Italy nel bio.
Un quarto di consumatori dichiara di aver acquistato almeno una volta cibo o bevande italiane a marchio bio, anche se solo poco più della metà (57%) controlla effettivamente in etichetta le informazioni relative alla provenienza degli ingredienti e al luogo di produzione.
Ma quali sono i prodotti più promettenti per il bio Made in Italy?
Vino, olio extra-vergine e pasta sono le categorie di prodotto per cui i consumatori statunitensi cercano le garanzie di qualità offerte dal marchio bio e quelle su cui l’italianità è un fattore distintivo.
Nessun ostacolo per il binomio bio e made in Italy neanche per il futuro: il 65% si dice interessato all’acquisto di un prodotto italiano a marchio bio se disponibile presso i canali abituali. Due su tre degli attuali non users, infatti, non ha ancora mai provato il nostro bio perché non lo trova in assortimento e il 21% non ne conosce ancora le caratteristiche distintive.

La piattaforma Ita.Bio

Paolo Carnemolla

«La collaborazione fra Ice e FederBio – ha detto Paolo Carnemolla, segretario generale di FederBio - ha l’obiettivo di costituire una piattaforma di supporto alle imprese biologiche italiane che vogliono rafforzare o avviare la loro presenza sui mercati esteri, a cominciare da quello Usa che è certamente il più importante a livello globale. Attraverso il lavoro di analisi dei mercati svolto in collaborazione con Nomisma e grazie al sistema Ice e a un desk dedicato attivato da FederBio  intendiamo fornire alle imprese del settore informazioni e contatti utili per orientare le loro strategie commerciali e dare un supporto fattivo per accompagnarle sui mercati. In tal senso è particolarmente importante anche la collaborazione di Sana, la fiera specializzata del settore in Italia, i cui accordi con piattaforme e-commerce e con sistemi fieristici all’etero integrano e potenziano le opportunità offerte dalla piattaforma ItaBio».

Josè Rallo

«In questo inimmaginabile 2020 – ha sottolineato José Rallo, consigliere d’amministrazione dell’Agenzia Ice - abbiamo assistito a un'accelerazione del processo di digitalizzazione dell’economia e alla crescente attenzione alla salute e alla sostenibilità, con il conseguente orientamento verso scelte alimentari sempre più biologiche. Due trend che rappresentano al tempo stesso un’opportunità e una grande sfida per il settore agroalimentare, visto anche il contributo che può dare in termini di sostenibilità ambientale. L’Ice quest’anno ha rafforzato significativamente il proprio supporto alla transizione digitale delle imprese, già avviata negli anni passati, attraverso accordi per l’e-commerce, fiere virtuali, blockchain per la tutela del made in Italy e formazione di digital export manager. La Piattaforma Ita.Bio si inserisce quindi a pieno titolo in questa nuova realtà delle abitudini di consumo e dell’economia digitale. Uno strumento volto a favorire l’export del biologico made in Italy attraverso l’analisi dei mercati, la condivisione dei dati, la creazione di una vetrina di prodotti ad alta vocazione per l’export cui si aggiunge, a supporto degli operatori, la creazione di un desk FederBio-Ice presso gli Uffici dell’Agroalimentare di Ice Roma».

Silvia Zucconi

«Lo scenario pandemico ha rappresentato un fattore di radicale impatto su stili di vita, valori, comportamenti di acquisto. Il monitoraggio dei mercati internazionali diventa uno strumento indispensabile per affiancare le imprese del bio Mmade in italy nel percorso di internazionalizzazione - dichiara Silvia Zucconi responsabile Market Intelligence Nomisma – in questo contesto Nomisma ha un ruolo ambizioso: alimentare la piattaforma Ita.Bio con insight per supportare la promozione del bio made in Italy all’estero, per aiutare le imprese nel cogliere il potenziale di domanda, per individuare soluzioni, sinergie e networking utili nel processo di internazionalizzazione delle Ppmi italiane».

ItaBio, biologico made in Italy al top negli Usa - Ultima modifica: 2020-12-10T18:09:08+01:00 da Alessandro Maresca

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome