Agroecologia per rendere l’agricoltura più sostenibile

agroecologia
Il direttore generale della Fao, Graziano da Silva, ha esortato i responsabili delle politiche nazionali a fornire un maggiore sostegno all'agroecologia. Per andare avanti, abbiamo bisogno dell'impegno di più governi e responsabili politici in tutto il mondo.

Il futuro con un’agricoltura e un sistema alimentare più sostenibile è affidato all’agroecologia e a dirlo è il direttore generale della Fao José Graziano da Silva in occasione del 2 ° Simposio Internazionale di Agroecologia tenutosi dal 3 al 5 aprile, nella sede della Fao a Roma.

Combinando le conoscenze tradizionali e scientifiche, l'agroecologia applica approcci ecologici e sociali ai sistemi agricoli, concentrandosi sulle ricche interazioni tra piante, animali, uomo e ambiente.

Il Direttore generale della Fao ha anche affermato che la maggior parte della produzione alimentare si basa su sistemi agricoli ad alto input e ad alta intensità di risorse a un costo elevato per l'ambiente e, di conseguenza, il suolo, le foreste, l'acqua, la qualità dell'aria e la biodiversità continuano a degradarsi.

Secondo gli esperti riuniti a Roma l'agroecologia può salvaguardare le risorse naturali e la biodiversità, nonché promuovere l'adattamento e la mitigazione dei cambiamenti climatici. Può anche migliorare la resilienza degli agricoltori familiari, specialmente nei paesi in via di sviluppo in cui la fame è concentrata. Può contribuire alla produzione e al consumo di alimenti sani e nutrienti e promuovere le economie e i mercati locali.

Il Simposio ha riunito 700 responsabili politici, professionisti di agroecologia, accademici e rappresentanti del governo, della società civile, del settore privato e delle agenzie delle Nazioni Unite per discutere gli elementi chiave e le azioni a sostegno del potenziamento dell'agroecologia. Il simposio si è concentrato sull'individuazione di bisogni, sfide e opportunità per promuovere politiche, pratiche e investimenti in agroecologia.

Graziano da Silva, infatti, ha esortato i responsabili delle politiche nazionali a fornire un maggiore sostegno all'agroecologia. «Per andare avanti, abbiamo bisogno dell'impegno di più governi e responsabili politici in tutto il mondo», ha affermato.

Un esempio di agroecologia in azione è un ecosistema progettato da agricoltori cinesi che vedono foglie di gelso alimentate a bachi da seta i cui rifiuti organici vengono poi utilizzati per la pesca. Il materiale organico presente nel fango del laghetto è quindi utilizzato come fertilizzante per i gelsi, completando così un circolo virtuoso di produzione. Per secoli questo sistema ha anche supportato attività ausiliarie come la produzione di seta.

Il symposium ha incluso una mostra che mette in evidenza le innovazioni nell'agroecologia di tutto il mondo. Un team di scienziati spagnoli espone una piattaforma online progettata per gli agricoltori e altri per registrare e condividere le conoscenze ecologiche tradizionali con gli scienziati.

Una mostra ghanese mette in luce un progetto guidato da un agricoltore che promuove l'accesso delle donne ai servizi di estensione agricola con particolare attenzione alla promozione dell'agroecologia. Il progetto ha portato le donne contadine di piccola aziende ad aumentare la loro produzione agricola attraverso l'agroecologia con una minore dipendenza da fattori esterni come gli erbicidi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome