L’Ue resta senza grano, produzioni record per mele e olio

grano
Il rapporto Ue sulle produzioni agricole continentali 2018 mostra uno scenario a tinte fosche per grano tenero e duro, con cali medi dell'8%. Sostanzialmente stabili le produzioni di latte, zucchero e carni, mentre mele e olio hanno fatto registrare volumi record

L’ultimo rapporto della Commissione europea pubblicato il 3 ottobre, segnala che la produzione cerealicola 2018 subirà una contrazione storica nel continente. Si tratta infatti di un calo dell’8% rispetto alla media dell’ultimo quinquennio e la causa principale è da attribuire alla siccità estiva che si è verificata nel corso della scorsa estate. Le difficoltà climatiche si sono verificate soprattutto in Germania, Polonia, Scandinavia e Paesi Baltici oltre a diverse ondate di calore hanno colpito la parte occidentale dell’Ue, compreso il Belgio, i Paesi Bassi, il Regno Unito e l’Irlanda.
La relazione sottolinea che la produzione cerealicola totale dell'Ue per il 2018 dovrebbe essere di 284,3 milioni di tonnellate, una diminuzione del 5% rispetto al 2017/18 e dell'8% rispetto alla media degli ultimi cinque anni.

Grano, Grecia nel baratro l'Italia si è salvata

Il raccolto di grano ha sofferto di più delle condizioni asciutte di quest'estate, con un calo del 9% rispetto al 2017. La previsione della produzione di grano è fissata a 129 milioni di tonnellate per il 2018.
Il raccolto di grano duro ha raggiunto 8,6 milioni di tonnellate, con un calo dell'8% rispetto allo scorso anno. La Francia e la Grecia hanno avuto un calo significativo pari rispettivamente al 14% e al 40% mentre Italia e Spagna hanno aumentato la produzione totale rispettivamente del 2,2% e 1,6% arrivando a una produzione complessiva di 4,3 milioni di tonnellate per la Spagna e 1,2 milioni di tonnellate per l’Italia. Le minori quantità disponibili sul mercato hanno fatto lievitare i prezzi che già hanno raggiunto il picco ad agosto 2018 raggiungendo livelli più alti rispetto allo scorso anno, con ad esempio € 50 per tonnellata per il grano e € 60 per tonnellata per l'orzo.

Zucchero e latte stabili

La produzione di zucchero dell'Ue dovrebbe essere inferiore rispetto ai livelli record dello scorso anno, previsti a 19,2 milioni di tonnellate per il 2018/19 rispetto ai 21,1 milioni del 2017/18. Tuttavia, significative eccedenze di zucchero mondiali stanno mantenendo bassi i prezzi.
Le condizioni climatiche secche e calde hanno influenzato anche il settore lattiero-caseario a causa della significativa riduzione della crescita dei prati e della produzione di foraggi. L'aumento della raccolta di latte nell'Ue è inferiore alle attese, con una previsione di 166,6 milioni di tonnellate per il 2018, con un aumento dello 0,6% rispetto al 2017.

grano

Carne, volumi in crescita e prezzi in discesa

Per quanto riguarda il settore delle carni, la produzione di carne bovina sta crescendo più del previsto a causa della riduzione della mandria di vacche nutrici nella maggior parte degli Stati membri e di una carenza di foraggio legata alla siccità, che anticipa la macellazione. La produzione netta di carne bovina per il 2018 è prevista a 8 milioni di tonnellate, superiore dell'1,6% rispetto al 2017.
Cresce anche la produzione di pollame, che nel 2018 raggiungerà i 14,9 milioni di tonnellate rispetto ai 14,6 del 2017. Questo aumento è legato al recupero dall'influenza aviaria dello scorso anno, ma anche a un calo delle importazioni dal Brasile, che sta mantenendo alti i prezzi dell'Ue. Per quanto riguarda le carni suine, l'ampia offerta mantiene bassi i prezzi.

Mele e olio, produzioni record

Si prevede che la produzione di mele raggiungerà i livelli record di produzione del 2014/15, con 12,8 milioni di tonnellate nel 2018/19, con un aumento del 28% rispetto allo scorso anno. Nel complesso, le condizioni meteorologiche sono state favorevoli per la produzione di mele soprattutto in primavera.
Per l'olio d'oliva, la produzione nel 2017/18 ha raggiunto 2,18 milioni di tonnellate, il 24% in più rispetto al 2016/17 a 1,76 metri. La produzione dovrebbe continuare a salire per il 2018/19, prevista a 2,26 milioni di tonnellate.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome