Emergenza Mozambico: il CEFA impegnato per far ripartire l’Africa Hand Project

Mozambico_Idai_CEFA
Occorre una semina di emergenza per evitare una crisi alimentare

Il ciclone Idai che il 15 marzo ha colpito il Mozambico ha causato una vera e propria emergenza.  Questo fenomeno ha provocato parecchi morti e centinaia di dispersi e la città di Beira, una delle zone più colpite, è in ginocchio per l’aumento esponenziale di casi di dissenteria e il governo mozambicano conferma che è in atto un’epidemia di colera. Nonostante gli aiuti alimentari stiano arrivando, moltissime famiglie hanno perso tutto.

Il ruolo del CEFA Onlus

CEFA il Seme della Solidarietà è un’organizzazione non governativa che da 45 anni lavora per vincere fame e povertà e già dal 2017 ha avviato il progetto Africa Hand Project,  che ha lo scopo di ridurre la fame attraverso lo sviluppo del settore lattiero-caseario ed agricolo in Mozambico e insegnare alle donne a variare la dieta alimentare per nutrire di più e meglio i loro bambini.

Il ciclone e le piogge, che hanno allagato un’area molto vasta, hanno spazzato via la semina di mais e di manioca che era stata organizzata nei mesi scorsi. Verrà a mancare quindi il prossimo raccolto e si può parlare già di crisi alimentare.

Lo staff locale e i volontari espatriati di CEFA stanno distribuendo viveri alla popolazione ma è fondamentale far ripartire il progetto e organizzare una semina di emergenza per tamponare la situazione drammatica che si profila.

Per saperne di più e sostenere queste attività vai al sito

https://www.cefaonlus.it/in-home/emergenza-mozambico/

Emergenza Mozambico: il CEFA impegnato per far ripartire l’Africa Hand Project - Ultima modifica: 2019-04-10T15:17:43+00:00 da Terra e Vita

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome