Csr, la Lombardia approva le linee guida per il periodo 2023-2027

Lombardia
Fabio Rolfi, Regione Lombardia
Approvato il complemento per lo sviluppo rurale del piano strategico Pac. Ci sono 835 milioni da spendere e 39 linee d'intervento
Trentanove linee di intervento e 835 milioni di euro a disposizione dell'agricoltura lombarda. La Regione Lombardia ha approvato in giunta il complemento per lo sviluppo rurale del piano strategico nazionale per il periodo 2023-2027. Il documento indica e formalizza le scelte regionali con riferimento al Piano Strategico della Pac 2023-2027 per l'Italia, in fase di approvazione da parte della Commissione europea.

I punti principali

 La strategia regionale poggia su alcuni assi e obiettivi strategici che verranno poi declinati nelle misure attuative: - una sempre maggiore sostenibilità e resilienza al cambiamento climatico; - la crescita della competitività e della redditività del settore agricolo, per evitare l'abbandono dei territori e per sostenere la competizione; - una sempre maggiore spinta innovativa, determinante per sostenere la competitività e sostenibilità dei comparti produttivi in tutte le fasi di produzione; - una più spinta declinazione delle esigenze di sicurezza alimentare verso gli aspetti della qualità, tipicità e legame con il territorio; - l'incentivazione alla diffusione della gestione forestale sostenibile; - una particolare attenzione ai giovani; - una crescita territoriale equilibrata.

Rolfi: «Creeremo un'agricoltura più competitiva e resiliente»

«Per i prossimi anni - ha dichiarato l'assessore regionale all'Agricoltura Fabio Rolfi - vogliamo promuovere un settore agricolo sempre più intelligente, competitivo, innovativo, resiliente e diversificato che garantisca sicurezza alimentare a lungo termine, rafforzando la tutela dell'ambiente e della biodiversità. Con questo documento intendiamo rafforzare i territori rurali, generando occasioni di nuova imprenditoria anche nelle aree marginali».

«La programmazione della nuova Pac - ha aggiunto l'assessore - avviene in una situazione geopolitica internazionale complicata, tra pandemia, guerra in Ucraina, aumento di costi di produzione e di reperimento delle materie prime. In questo contesto il settore agricolo è chiamato a garantire quantità, qualità e salubrità degli alimenti e anche a proseguire il proprio ruolo di presidio ambientale, territoriale e paesaggistico. Una sfida difficile e per questo serve un piano strategico chiaro e di visione».

Csr, la Lombardia approva le linee guida per il periodo 2023-2027 - Ultima modifica: 2022-11-21T16:47:32+01:00 da Terra e Vita

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome