Pasta day, in cinque anni persi 75mila ettari coltivati a grano duro

    pasta day
    L'Italia è il primo produttore europeo di grano duro ma per le esigenze dell'industria pastaria non basta

    Negli ultimi cinque anni l'Italia ha perso 75mila ettari coltivati a grano duro. Per valorizzare il prodotto italiano occorre lavorare su accordi di filiera che garantiscano produttori e consumatori. È quanto sostiene, nel World Pasta Day, CAI - Consorzi Agrari d’Italia, che con più di 4 milioni di quintali di cereali stoccati e gestiti rappresenta la prima realtà organizzata della produzione nel nostro Paese.

    In base alle stime Cai su dati Istat, l’Italia, negli ultimi cinque anni, ha perso 75mila ettari di terreno coltivati a grano duro. Secondo Consorzi Agrari d’Italia, quindi, è necessario lavorare per aumentare la produzione, anche attraverso investimenti lungo tutta la filiera, per evitare che il nostro Paese continui a dipendere troppo dalle importazioni di prodotto dagli altri Paesi produttori.

    Indicazione d'origine via dalle etichette

    Un percorso virtuoso che però non sembra essere favorito dalla scadenza, il prossimo 31 dicembre, del decreto che dal 14 febbraio 2018 aveva introdotto l'obbligo di etichettatura dell'origine del grano utilizzato sulle confezioni di pasta, come lamenta Coldiretti.

    Anche Cia-Agricoltori Italiani pone l’attenzione sulla valorizzazione dell’origine del prodotto e sui contratti di filiera che favoriscano le produzioni domestiche, incentivando la coltivazione del grano duro Made in Italy, per andare incontro al fabbisogno dell'industria pastaria. Servono, inoltre, forti investimenti in ricerca per aumentare le rese e favorire produzioni sempre più sostenibili anche in chiave ambientale. Il rafforzamento della filiera aumenterebbe, così, gli investimenti dei nostri produttori e ridimensionerebbe il ricorso all’import.

    Sostenere la cerealicoltura

    L’Italia, con circa 4 milioni di tonnellate di produzione su base annua, è il primo Paese produttore europeo di grano duro, ma è contemporaneamente anche primo importatore mondiale per soddisfare la domanda dell’industria nazionale, che ne trasforma circa 7 milioni.

    Cia auspica, dunque, che le risorse del Pnrr la nostra cerealicoltura possano dare una forte spinta propulsiva al comparto, per ridurre drasticamente la dipendenza dal prodotto estero, spesso legato a situazioni climatiche complesse, difficoltà di trasporto e problemi geopolitici. L’aumento della produzione domestica, grazie all’adozione di contratti di filiera trasparenti, diventerebbe sicuramente un requisito importante per un corretto approvvigionamento della nostra industria agroalimentare, rendendo più remunerativa la coltivazione del grano duro agli agricoltori.

    Cia ricorda che la produzione di grano è importante per il nostro Paese non solo per gli impatti economici, sociali, occupazionali, ma anche per le ricadute ambientali, culturali e paesaggistiche, oltre a rappresentare un importante presidio ambientale, proteggendo le aree interne dal rovinoso effetto del dissesto idrogeologico.

    Pasta day, in cinque anni persi 75mila ettari coltivati a grano duro - Ultima modifica: 2021-10-25T17:09:30+02:00 da Terra e Vita

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento
    Per favore inserisci il tuo nome