L’oidio insidia le cucurbitacee

Tra le malattie delle cucurbitacee l’oidio o “mal bianco” è quella che desta più preoccupazione. Si può manifestare sia in pieno campo che in coltura protetta e, se non adeguatamente contenuta, può arrecare, in talune annate, danni qualitativi e quantitativi anche considerevoli. I sintomi, del tutto simili per le diverse cucurbitacee, interessano principalmente foglie, fusti e piccioli e si manifestano inizialmente sulla pagina inferiore delle foglie attraverso piccole macchie bianche rotondeggianti, che successivamente si moltiplicano e confluiscono fra di loro, estendendosi anche sulla pagina fogliare superiore e assumendo un aspetto polverulento biancastro. In casi eccezionali, su melone anche i frutti possono essere colpiti causando anche effetti negativi sul loro aroma. La progressione dell’epidemia porta le foglie ad ingiallire, accartocciarsi e infine disseccarsi con conseguente perdita di produzione. Nel Nord Italia le infezioni più gravi si manifestano generalmente in estate, in concomitanza di andamenti climatici caldi e asciutti.

 

Due agenti causali

La malattia può essere causata da diversi agenti fungini: quelli più frequentemente segnalati al Nord sono Podosphaera xanthii (sin. Sphaerotheca fuliginea) e Golovinomyces cichoracearum, (sin. Erysiphe cichoracearum). Entrambi i microrganismi sviluppano la tipica efflorescenza biancastra polverulenta e non sono distinguibili visivamente, ma solo attraverso specifiche analisi microscopiche. I limiti termoigrometrici per lo sviluppo dell’oidio delle cucurbitacee sono piuttosto ampi (temperature fra 10 e 35 °C , con valori ottimali a 26 °C); la germinazione delle spore è possibile anche con bassa umidità relativa, benché favorita da valori elevati. Anche se l’utilizzo di varietà resistenti all’oidio rappresenta un valido strumento di prevenzione della malattia, la difesa chimica, tuttavia, è ancora importante, soprattutto nella protezione delle varietà di cucurbitacee economicamente importanti, ma spesso prive del carattere di resistenza.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome