Legge di Bilancio 2021, un miliardo per agricoltura e pesca

legge di bilancio
Fondi per l'esonero Irpef, la decontribuzione, lo sviluppo delle filiere. Sostegno per giovani agricoltori e imprenditrici agricole. Con 130 milioni è stato finanziato il Fondo di solidarietà nazionale per le assicurazioni e gli indennizzi contro le calamità

Supera un miliardo di euro lo stanziamento previsto dalla Legge di Bilancio 2021 per agricoltura, filiere agroalimentari, pesca, acquacoltura e investimenti infrastrutturali.

«Un ponte verso la strategia del Piano nazionale di ripresa e resilienza – sottolinea la ministra delle Politiche agricole Teresa Bellanova – e una testimonianza che la strategicità del settore è indiscutibile. Una Legge di bilancio che scongiura l'aumento della pressione fiscale per le imprese agricole anche nel 2021 – sottolinea la ministra – rafforza le politiche per la crescita competitiva del settore, necessarie per rispondere ai colpi della crisi determinata dal Covid-19 e quelle per le fragilità sociali. Garantisce le condizioni per un rafforzamento amministrativo del Ministero e contestualmente del personale Agea e del Crea. Si attesta come un vero e proprio ponte verso l'attuazione della più complessiva strategia targata Mipaaf nell'ambito del Piano Nazionale Ripresa e Resilienza e verso la costruzione della nuova Pac post 2020».

 

 

Sullo sfondo resta la crisi di governo minacciata da Italia Viva, il partito della ministra. Quella del 2021 potrebbe essere stata l'ultima "finanziaria" del governo Conte bis. Ma intanto ecco nel dettaglio le misure dedicate direttamente o indirettamente al settore primario, approvate in via definitiva.

1. Sviluppo delle filiere agricole

Stanziati 150 milioni di euro per un Fondo dedicato alla promozione e al sostegno delle filiere, per accrescere competitività, qualità della produzione, qualità e quantità dei livelli occupazionali, favorendo le migliori forme di organizzazione di filiera.

Rifinanziato ed estese le finalità del Fondo suinicolo con 10 milioni destinati anche al miglioramento delle condizioni di sostenibilità nelle aziende zootecniche, di produzione e trasformazione della carne.

Altri 10 milioni sono destinati al Fondo per la tutela e il rilancio della filiera apistica, brassicola, della canapa e della frutta a guscio.

La stessa cifra è stata destinata per lo stoccaggio privato di vini Doc, Docg e Igt certificati o atti a divenire tali e detenuti in impianti situati nel territorio nazionale.

Ci saranno poi tre milioni da spendere nel triennio 2021-2023 per iniziative finalizzate alla valorizzazione delle tradizioni enogastronomiche, delle produzioni agroalimentari e industriali italiane e della dieta mediterranea e del contrasto al fenomeno dell'Italian sounding.

2. Misure contributive e fiscali

Nel 2021 saranno 82 i milioni a disposizione per garantire l’esenzione Irpef dei redditi dominicali e agrari dei coltivatori diretti e degli imprenditori agricoli professionali relativi a terreni dichiarati (come individuati dall'art. 1, del d.lgs. n. 99 del 2004) iscritti nella previdenza agricola (comma 38).

Altri 55 milioni sono stati previsti per l’esonero contributivo totale per 24 mesi per i coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli under 40 che si iscrivono nella previdenza agricola dall'1 gennaio al 31 dicembre 2021. L'esonero riguarda l'assicurazione generale obbligatoria per l'invalidità, la vecchiaia e i superstiti.

È stata rifinanziata con 15 milioni di euro la misura Donne in campo. Serviranno per la concessione di mutui a tasso zero per iniziative volte allo sviluppo e al consolidamento di aziende agricole condotte da imprenditrici attraverso investimenti nel settore agricolo, nella trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli. Mutui concessi nel limite di 300mila euro, della durata massima di 15 anni comprensiva del periodo di preammortamento.

Proroga delle agevolazioni Iva per le cessioni di animali vivi, bovini e suini e riduzione IVA al 10% per piatti pronti e pasti cotti (20 milioni di euro per il 2021).

Credito di imposta per le reti di imprese agricole e agroalimentari aderenti alle “Strade del Vino”. A disposizione 15 milioni di euro nel triennio 2021-2023 per la realizzazione di infrastrutture informatiche per commercio elettronico.

E ancora, 1,5 milioni saranno spesi per garantire per l’esenzione dell'imposta di registro nella misura fissa di 200 euro agli atti di trasferimento a titolo oneroso di terreni agricoli e relative pertinenze di valore inferiore o uguale a 5mila euro, dove posti in essere a favore di coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali.

Proroga del bonus verde che prevede l’agevolazione fiscale per la sistemazione a verde   di abitazioni private. Detrazione d’imposta lorda del 36% per una spesa massima di 5mila euro.

3. Mutui e prestiti, moratoria fino al 30 giugno 2021

Il comma 248 dell’articolo 1 della Legge di Bilancio 2021 proroga fino al 30 giugno 2021 l'apertura di credito a revoca, dei prestiti, dei mutui e degli altri finanziamenti a rimborso rateale, già disposta fino al 30 settembre 2020 e successivamente prorogata al 31 gennaio 2021. Per le imprese già ammesse alle misure di sostegno finanziario, opera automaticamente senza alcuna formalità, salva l'ipotesi di rinuncia espressa da parte dell'impresa beneficiaria.

La manovra ha previsto anche la proroga dal 31 dicembre 2020 al 30 giugno 2021 dell'operatività della misura sull'intervento straordinario in garanzia di Sace a supporto della liquidità delle imprese colpite dalle misure di contenimento dell'epidemia da Covid-19 ("Garanzia Italia"), nonché il prolungamento da 10 a 15 anni – su richiesta dell'interessato - della durata dei finanziamenti concessi dal Fondo per le piccole e medie imprese, senza valutazione e con garanzia al 100%, in favore di Pmi e persone fisiche esercenti attività di impresa, arti o professioni, nonché associazioni professionali e società tra professionisti, agenti e subagenti di assicurazione e broker la cui attività d'impresa è stata danneggiata dall'emergenza Covid-19.
Da segnalare, inoltre, la sospensione fino al 31 gennaio 2021 dei termini di scadenza relativi a vaglia cambiari, cambiali e altri titoli di credito e ogni altro atto avente efficacia esecutiva, che ricadono o decorrono nel periodo dal 1° settembre 2020 al 31 gennaio 2021.

4. Danni da calamità atmosferiche e fitosanitarie

Nel triennio 2021-2023 ci saranno a disposizione 60 milioni per il finanziamento del Fondo di solidarietà nazionale per interventi assicurativi, al fine di dare continuità agli interventi pubblici sulla spesa assicurativa agricola.

Settanta milioni di euro andranno a finanziare il Fondo di solidarietà nazionale interventi indennizzatori, per il ristoro delle aziende agricole danneggiate da avversità atmosferiche e fitosanitarie.

5. Infrastrutture e reti irrigue

La Legge di bilancio ha previsto 630 milioni di investimenti nei prossimi 7 anni per infrastrutture utili al settore primario come quelle irrigue, la tutela del suolo, la mitigazione ambientale, il contrasto al dissesto idrogeologico.

6. Foreste urbane

Tre milioni di euro serviranno per integrare il finanziamento del programma sperimentale di messa a dimora di alberi e per la creazione di foreste urbane e periurbane, nelle città metropolitane.

7. Tutela del reddito degli operai agricoli

Proroga della possibilità di ricorso alla Cisoa per eventi riconducibili all'emergenza epidemiologica, per un massimo di 90 giorni nel periodo compreso tra il 1° gennaio e il 30 giugno 2021.

8. Debiti nei confronti delle Regioni

La legge di bilancio 2021 ha stanziato 20 milioni di euro per la restituzione delle risorse anticipate dalle Regioni per interventi di concorso pubblico nel pagamento degli interessi sul credito di soccorso alle imprese agricole danneggiate da calamità e da avversità atmosferiche eccezionali.

9. Rafforzamento dell'attività del ministero

La manovra stanzia un milione di euro per il 2021 e 6,6 milioni dal 2022 per coprire le spese relative a 86 nuove assunzioni al Mipaaf nel 2021 e 54 nel 2022. Altri cinque milioni sono a disposizione per la stabilizzazione dei lavoratori precari del Crea.

10. Integrazione dell’indennità agli ispettori dell’Icqrf

Per lo svolgimento delle attività di controllo e tutela della qualità dei prodotti del settore agroalimentare italiano, nel 2021 gli ispettori dell'Istituto repressione frodi riceveranno un'indennità maggiorata per la quale sono stati previsti 1,5 milioni di spesa.

11. Più personale per Agea

Per velocizzare i pagamenti agli agricoltori saranno fatte 61 assunzioni all'Agenzia per le erogazioni in agricoltura. La spesa sarà di sei milioni in due anni. Altri 10 milioni serviranno per garantire la corretta erogazione dei servizi affidati ad Agea.

12. Fondo emergenza alimentare

Incremento di 40 milioni di euro per il 2021 del Fondo per la distribuzione di derrate alimentari alle persone con fragilità sociali e alimentari, per garantire la tutela alimentare delle fasce di popolazione più fragili, limitando e riducendo e lo spreco alimentare.

13. Copagri: interventi positivi ma serve di più

«Nella Legge di bilancio 2021 trovano spazio diversi interventi a favore del comparto primario, che da una prima lettura del testo appaiono positivi e assolutamente condivisibili, anche se sembra mancare un reale e organico disegno complessivo finalizzato al rilancio strutturato del settore». Così ha commentato le misure previste dalla manovra 2021 il presidente di Copagri Franco Verrascina.

«Continuiamo però a chiedere un ulteriore sforzo al Governo affinché abolisca la sugar tax e la plastic tax, che anche con i correttivi apportati in sede parlamentare, con i quali è stato sancito un doppio slittamento rispettivamente di un anno e di sei mesi, rischiano di far calare i consumi e di creare a cascata ripercussioni negative sui produttori» ha concluso il presidente della Copagri.

14. Confagricoltura, bene le misure per i giovani

«In quest’anno così difficile era importante prevedere misure a sostegno dei giovani, con ricadute importanti anche nel settore primario. L’emergenza si supera anche e soprattutto dando fiducia e opportunità alle giovani leve e favorendo il ricambio generazionale. Ai giovani che entrano nel mondo del lavoro ricordiamo che l’agricoltura è un settore con prospettive innovative e che è alla ricerca di nuove figure professionali richieste dall’agricoltura 4.0 e da aziende sempre più smart e green». Questo il commento di Francesco Mastrandrea, presidente di Anga-Giovani di Confagricoltura, in relazione alle misure previste dalla Legge di Bilancio per i giovani.

Legge di Bilancio 2021, un miliardo per agricoltura e pesca - Ultima modifica: 2020-12-30T18:32:26+01:00 da Terra e Vita

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome