Primo bilancio “potenziato” dell’Ue. All’agricoltura 55,2 miliardi di euro

Il commissario Johannes Hahn, responsabile del bilancio dell'UE
La Commissione Ue annuncia bilancio Ue 2021 da 166,7 miliardi, più 211 miliardi di garanzie e 133 di prestiti nell’ambito del Next generation Ue.

La Commissione Europea ha fissato il primo bilancio annuale dell’Unione potenziato dai fondi del Next Generation Ue (ma depotenziato dalla Brexit).

 

 

In questo modo la disponibilità per il 2021 sarà di 166,7 miliardi di euro, da integrare con 211 miliardi di euro in garanzie e circa 133 miliardi di euro in prestiti nell'ambito di Next generation Ue (l’ex Recovery fund, ovvero lo strumento finanziario temporaneo finalizzato alla mobilitazione degli investimenti e all'avvio dell'economia europea dopo il Covid19).

 

 

Più verde e più digitale

«Il bilancio - sottolineano in una nota dalla Commissione - è pienamente in linea con l'impegno a investire nel futuro al fine di realizzare un'Europa più verde, più digitale e resiliente».

Una volta approvato, questo sarà il primo bilancio del nuovo quadro finanziario pluriennale

Ursula von der Leyen durante la presentazione del Next Generation Ue davanti all'EuroParlamento in sessione riunita

2021-2027 e il primo bilancio annuale proposto dalla commissione presieduta da Ursula Von Der Leyen.

Il commissario Johannes Hahn, responsabile del bilancio dell'UE, ha dichiarato: «In questi tempi straordinari, la proposta della Commissione europea mobilita un sostegno senza precedenti. Il bilancio annuale 2021 aiuterà centinaia di migliaia di persone, aziende e regioni a superare la crisi e ad emergere più forti di prima. Per realizzarlo, abbiamo bisogno di un accordo sul bilancio a lungo termine e Next Generation EU, un accordo che invierà un segnale di fiducia in tutta Europa».

Fondi per gli agricoltori, ma non solo..

Per quanto riguarda la politica agricola comune la dotazione sarà di 55,2 miliardi di euro. «Fondi – precisano dalla Commissione - per gli agricoltori europei, ma anche per rafforzare la capacità di ripresa dei settori agroalimentare e fornire gli strumenti per la gestione delle crisi».

Il dettaglio degli stanziamenti

La Commissione precisa che «gran parte dei fondi andrà alle azioni prioritarie individuate in relazione a Next Generation Eu», ovvero contribuire a ricostruire e modernizzare l’Unione, promuovendo le transizioni verde e digitale, creando posti di lavoro e rafforzando il ruolo dell'Europa nel mondo.

Ecco il dettaglio degli stanziamenti:

  • 1,34 miliardi di euro per il programma Europa digitale per le cyber-difese dell'Unione e sostenere la transizione digitale;
  • 3 miliardi di euro per il meccanismo per collegare l'Europa in un'infrastruttura di trasporto aggiornata e ad alte prestazioni per facilitare i collegamenti transfrontalieri;
  • 575 milioni di euro per il programma per il mercato unico, rispettivamente 36,2 milioni di euro e 127 milioni di euro per i programmi di sostegno alla cooperazione in materia fiscale e doganale;
  • 2,89 miliardi di euro per gli investimenti di Erasmus Plus nei giovani, nonché 306 milioni di euro per i settori culturali e creativi attraverso l'Europa creativa;
  • 1,1 miliardi di euro per il Fondo Asilo e migrazione e 1,0 miliardi di EUR per il Fondo integrato di gestione delle frontiere per rafforzare la cooperazione in materia di gestione delle frontiere esterne nonché la politica in materia di migrazione e asilo;
  • 55,2 miliardi di euro per la politica agricola comune e 813 milioni per il Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca;
  • 228 milioni di euro per il Fondo sicurezza interna e 1,05 milioni di euro per il Fondo europeo di difesa a sostegno dell'autonomia strategica e della sicurezza europee;
  • 1,9 miliardi di euro per l'assistenza preadesione, a sostegno dei nostri vicini, anche nei Balcani occidentali;

Inoltre, gran parte dei fondi andrà alle azioni prioritarie individuate in relazione a Next Generation EU, tra cui:

  • 131,5 miliardi di prestiti e circa 133 miliardi  di sovvenzioni possono essere erogati agli Stati membri nell'ambito del meccanismo di recupero e resilienza, nell'ambito di Next Generation EU;
  • 17,3 miliardi di euro per Horizon Europe, per aumentare il sostegno europeo alle attività di ricerca e innovazione in materia di salute e clima, di cui 5 miliardi di euro nell'ambito di Next Generation EU;
  • 10,13 miliardi per InvestEU, da investire in infrastrutture sostenibili, innovazione e digitalizzazione. Parte del denaro sarà destinato al Fondo strategico per gli investimenti, per costruire un'autonomia strategica nelle filiere vitali a livello europeo;
  • 8,28 miliardi per lo strumento di sostegno alla solvibilità, come proposto da Next Generation EU, per far fronte alle preoccupazioni in materia di solvibilità delle società vitali di tutti i settori economici;
  • 47,15 miliardi di euro per la politica di coesione, da integrare con 42,45 miliardi di euro nell'ambito di REACT-UE come proposto nell'ambito della prossima generazione UE. I soldi andranno per sussidi per l'occupazione, programmi di lavoro a breve termine e misure per l'occupazione giovanile; liquidità e solvibilità per le PMI;
  • 9,47 miliardi per il Just Transition Fund per garantire che la transizione verso la neutralità climatica non lasci indietro nessuno, di cui € 7,96 miliardi nell'ambito di Next Generation EU;
  • 619 milioni  per rescEU, il meccanismo di protezione civile dell'Unione, per garantire che l'Unione abbia la capacità di rispondere alle emergenze su vasta scala;
  • 1,19 miliardi per EU4Health, il nuovo programma sanitario, che equipaggerà la nostra Unione dalle future minacce sanitarie; di cui € 1,17 miliardi da Next Generation EU;
  • 15,36 miliardi per i nostri partner esterni attraverso lo strumento di vicinato, sviluppo e cooperazione internazionale (NDICI) di cui € 3,29 miliardi nell'ambito della prossima generazione UE;
  • 2,8 miliardi  per gli aiuti umanitari, di cui 1,3 miliardi di euro nell'ambito di Next Generation EU, per le crescenti esigenze umanitarie nelle parti più vulnerabili del mondo.
Primo bilancio “potenziato” dell’Ue. All’agricoltura 55,2 miliardi di euro - Ultima modifica: 2020-06-24T21:41:05+02:00 da Lorenzo Tosi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome