L’iscrizione all’Inps come coadiuvante

    Non ha rilevanza per dimostrare la qualità di coltivatore diretto

    Inps
    autumnal leaf

    Domanda

    A seguito di una donazione di mio padre, sono ora il proprietario di circa 20 ettari di terreno agricolo e di una porzione di cascina annessa. Ho la possibilità di diventare coadiuvante dell’azienda agricola del cognato (che conduce in affitto solo 2 degli ettari della mia proprietà insieme a molti altri ettari in affitto da terzi).
    Se diventassi coadiuvante di mio cognato, pagando i relativi contributi Inps (che mi dicono essere tipici del coltivatore diretto), ricevo il titolo di Coltivatore diretto (e quindi i relativi diritti di prelazione)?
    Se sì, bene; se no: diventando coadiuvante (e non ottenendo il titolo di Cd), quando tra due anni aprirò una società agricola coltivando i miei 20 ettari, potrò diventare “nuovo agricoltore” e fare domanda di titoli Pac dalla Riserva nazionale?

    Questo contenuto è riservato agli abbonati alle riviste Edagricole. Abbonati

    Sei abbonato a Terra e Vita o ad una delle altre riviste Edagricole e hai già effettuato l’accesso al sito?
    Fai per accedere a questo articolo e a tutti i contenuti a te riservati.

    Sei abbonato ad una delle riviste Edagricole ma non hai mai effettuato l’accesso al sito?
    Registrati qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento.
    Entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione dell’articolo e di tutti i contenuti riservati agli abbonati.

    Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

    L’iscrizione all’Inps come coadiuvante
    - Ultima modifica: 2016-10-28T10:53:24+00:00
    da Sandra Osti
    L’iscrizione all’Inps come coadiuvante - Ultima modifica: 2016-10-28T10:53:24+00:00 da Sandra Osti

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento
    Per favore inserisci il tuo nome