Costa di più il trasporto dei lavoratori agricoli sui campi

I costi di trasporto sono spesso a carico delle aziende agricole che devono rispetttare le misure di sicurezza dei lavoratori

I costi di trasporto sono spesso a carico delle aziende agricole che devono rispettare le misure di sicurezza dei lavoratori, ad esempio riducendo il numero dei posti a sedere per rispettare le distanze stabilite per contrastare la diffusione del coronavirus. La burocrazia, però, dovrebbe ridursi per quanto riguarda la visita medica dei lavoratori.

L’emergenza sanitaria per il coronavirus è destinata a creare difficoltà anche nel trasporto dei lavoratori agricoli sui campi per la raccolta dell’ortofrutta estiva.

 

 

Alla carenza di manodopera agricola, segnalata dal mondo agricolo, assieme a numerose proposte per risolvere il problema (come la piattaforma Agrijob), potrebbe esserci quindi anche un aggravio di costi per garantire le misure di sicurezza nel trasporto dei lavoratori.

 

 

Come spiega Roberto Caponi, responsabile welfare di Confagricoltura, «i lavoratori agricoli possono arrivare nei campi con mezzi propri rispettando la regola che in un’auto non devono entrare più di 2 persone, uno davanti e uno dietro per rispettare le distanze».

«Anche il datore di lavoro, ossia l’azienda agricola, può organizzare il trasporto dei lavoratori. In questo caso deve mettere a disposizione un mezzo di trasporto che rispetti la distanza di sicurezza: se prima il pulmino portava 9 persone, ora ne salgono solo 4 in base al protocollo sulla sicurezza dei lavoratori che riguarda le misure di contrasto al Covid-19. Considerando che spesso il trasporto avviene su tratte piuttosto lunghe si teme anche che la raccolta dei prodotti agricoli possa essere ritardata o essere fortemente rallentata».

Anche Romano Magrini, responsabile relazioni sindacali, sicurezza e immigrati della Coldiretti, segnala che tante aziende agricole dovranno organizzare il trasporto in minibus più capienti, ad esempio, per la prossima raccolta delle ciliege, in modo da mantenere il distanziamento sociale.

«E' bene anche che ai lavoratori sia misurata la temperatura prima di salire sui mezzi di trasporto. L'organizzazione necessita anche dell'impiego di più personale dedicato».

Aumentano i costi di produzione delle fragole

Alcuni problemi, come ha segnalato Danilo De Lellis, responsabile delle relazioni sindacali di Cia, sono emersi già per la raccolta delle fragole: «I costi a carico delle aziende agricole che si assumono le spese di trasporto sono aumentati. In un mezzo di trasporto da 20 persone ne possono salire solo 10».

Meno burocrazia con la visita medica annuale dei lavoratori stagionali

«Una semplificazione opportuna per fronteggiare l'emergenza di manodopera in questa fase complessa».

Così la ministra per le Politiche agricole. Teresa Bellanova, ha commentato l'emendamento approvato in Commissione bilancio al Senato che introduce una notevole semplificazione in tema di visita medica a vantaggio del lavoratore agricolo stagionale, senza incidere in modo negativo sulla sicurezza e sulla tutela della salute.

La modifica normativa, una volta approvata dal Parlamento, consentirà infatti di potere fruire di una validità annuale della visita medica, permettendo al lavoratore risultato idoneo di prestare la propria attività anche presso diverse imprese agricole (nell'arco di quel periodo di tempo) per lavorazioni che presentano i medesimi rischi, senza la necessità di ulteriori accertamenti medici. Un vincolo burocratico in meno e più possibilità per le aziende agricole e i lavoratori di far fronte all'emergenza di carenza di manodopera in questa fase complessa.

Costa di più il trasporto dei lavoratori agricoli sui campi - Ultima modifica: 2020-04-09T21:34:13+02:00 da Francesca Baccino

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome