Dieci miliardi per lo Sviluppo rurale già dal 2021

Paolo De Castro, relatore per il Parlamento europeo della parte agricola dello Strumento europeo per la ripresa
L’accordo immediato tra EuroParlamento e Consiglio Ue dà il via libera all’anticipo dei fondi per la ripresa delle aree rurali. De Castro: «L’Ue su impegna così per il rilancio di un'agricoltura più sostenibile, resiliente e innovativa dopo l’epidemia del Covid-19». La quota  per l’Italia supera 1,2 miliardi di euro. I fondi sono vincolati all’utilizzo in favore dell’ambiente, del digitale e degli investimenti dei giovani agricoltori

Un'iniezione di liquidità senza precedenti in favore dell’agricoltura. Lo avevamo già annunciato e l’accordo tra Europarlamento e Consiglio Ue sul Next Generation Eu, il piano legato al Recovery fund, lo ha confermato oggi. Un accordo raggiunto dopo due soli round negoziali.

 

 

Leggi anche

Recovery plan e sviluppo rurale: arrivano davvero molti soldi

Un terzo nel 2021, due terzi nel 2022

Saranno infatti disponibili già dal 2021 i finanziamenti supplementari per lo sviluppo rurale previsti dal fondo per la ripresa Ue. L'anno prossimo arriveranno 2,4 miliardi di euro e nel 2022 5,6 miliardi, vincolati a misure per l'ambiente (37%) e la digitalizzazione (55%), come chiesto dall'Europarlamento. In origine i fondi sarebbero arrivati con la nuova Pac, dal 2023. Se si tiene conto degli ulteriori 2,6 miliardi di anticipi previsti dall'accordo sul bilancio pluriennale Ue, il pacchetto Ue per lo sviluppo rurale 2021-22 supera i 10 miliardi di euro, 1,2 miliardi dei quali a beneficio dell'Italia.

Il contributo di De Castro

«Si tratta della testimonianza dell’impegno europeo per il rilancio di un'agricoltura più sostenibile, resiliente e innovativa, dopo l’epidemia del Covid-19»”. Così commenta Paolo De Castro, relatore per il Parlamento europeo della parte agricola dello Strumento europeo per la ripresa (Eri), dopo l'accordo raggiunto a Bruxelles.

«A fronte delle difficoltà senza precedenti affrontate dal settore agricolo e agroalimentare - spiega De Castro - l'Unione europea mette a disposizione un pacchetto totale di sostegno alla ripresa di oltre 10 miliardi, con una quota nazionale per l’Italia pari a circa 1,22 miliardi».

europarlamento pac post 2020
Europarlamento

I cofinanziamenti possono moltiplicare il montepremi per 5

«Si tratta però solo di un punto di partenza, in quanto questi fondi potranno essere co-finanziati con ulteriori risorse nazionali, moltiplicandoli fino a 5 volte nel caso in cui gli Stati membri lo vogliano. Abbiamo voluto dare un chiaro indirizzo verso una ripresa economica nel nome della resilienza, della sostenibilità e della digitalizzazione, e in linea con gli obiettivi delineati dal Green Deal europeo».

Gli investimenti dei giovani

«Per questo almeno il 55% dei fondi dovrà supportare giovani e piccoli agricoltori, e soprattutto investimenti che promuovano lo sviluppo sociale ed economico delle aree rurali, tramite l’agricoltura di precisione, la digitalizzazione e la modernizzazione dei macchinari, il miglioramento delle condizioni di sicurezza sul lavoro, la promozione di filiere corte e mercati locali, lo sviluppo di energie rinnovabili, economia circolare e bio-economia, l'accesso alla banda larga».

«Per tutti questi investimenti, agricoltori e operatori agro-alimentari potranno essere supportati al 75% delle spese sostenute, rispetto al 40% attuale. In più, abbiamo innalzato il livello massimo di aiuto al primo insediamento dei giovani agricoltori dagli attuali 70mila, fino a 100mila euro».

Sostenibilità e biodiversità

«Affinché la ripresa del settore possa contemperare sostenibilità ambientale, sociale ed economica – prosegue l'Europarlamentare PD - almeno il 37% dei fondi sarà destinato a misure ad alto beneficio ambientale, quali agricoltura biologica, riduzione delle emissioni agricole di gas serra, conservazione dei suoli e potenziamento dell’assorbimento di carbonio, miglior gestione idrica, benessere animale e salvaguardia degli habitat favorevoli alla biodiversità».

«EuroParlamento motore del processo legislativo»

«Il risultato di oggi – conclude De Castro – dimostra ancora una volta come il Parlamento possa diventare il motore del processo legislativo, per rispondere ai bisogni reali dei nostri cittadini, delle nostre aree rurali, dei nostri agricoltori e produttori. Questo accordo, raggiunto in tempi brucianti grazie alla collaborazione con la Presidenza tedesca del Consiglio, vuole essere un gesto concreto di solidarietà verso un settore che, anche nelle fasi peggiori della pandemia, non ci ha mai abbandonato, mettendo a rischio la salute degli operatori pur di continuare a garantire che il cibo arrivi sulle nostre tavole».

Le prossime tappe

Il testo dell’accordo sarà validato dalla plenaria del Parlamento europeo, senza possibilità di modifica, insieme al testo sul regolamento Transitorio, che estende l’attuale Pac di due anni, fino al 31 dicembre 2022. Il voto del Parlamento è atteso durante la plenaria di dicembre, in quanto subordinato all’accordo sul futuro Quadro finanziario pluriennale 2021- 2027.

Dieci miliardi per lo Sviluppo rurale già dal 2021 - Ultima modifica: 2020-11-10T20:52:10+01:00 da Lorenzo Tosi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome