Ministra Bellanova: #distantimauniti senza fermare l’Italia

La ministra Bellanova invita al rispetto ferreo delle regole, ma sottolinea anche la sicurezza e qualità dei generi alimentari

La ministra Bellanova invita al rispetto ferreo delle regole, ma sottolinea anche la sicurezza e qualità dei generi alimentari che sono garantite dalle imprese. La distribuzione di cibo, ovviamente, non è messa in discussione

Ai tempi del Coronavirus  le convocazioni anche al ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali si fanno in videoconferenza a causa delle prescrizioni sanitarie.

In questo modo, nel pieno rispetto delle nuove misure introdotte dal Dpcm del 9 marzo scorso, assessori regionali all'agricoltura, associazioni di categoria e rappresentanze dei lavoratori si sono confrontati negli ultimi due giorni con la ministra Teresa Bellanova per un aggiornamento sulle ulteriori criticità del settore agricolo ed agroalimentare nei diversi territori.

 

 

«Ho condiviso - ha sottolineato Bellanova - con gli assessori regionali, in via informale, la nostra griglia di interventi per il settore, per le imprese, per i lavoratori e le famiglie e delineato compiutamente tutti i problemi che il settore sta affrontando».

I prodotti agroalimentari sono sicuri

«Dobbiamo essere capaci - ha ribadito la ministra - di affrontare tutti insieme l'emergenza, #distantimauniti come invita a fare una campagna lanciata ieri sui social e che condivido in pieno. L'emergenza spinge tutti noi a cambiare radicalmente il nostro stile di vita, laddove è ovviamente possibile farlo: seguiamo scrupolosamente le regole per la sicurezza nostra e chi chi sta intorno, lavoriamo da casa se e quando possibile, evitiamo luoghi affollati».

Verdure, frutta, carne o pesce, così come latte, formaggi e generi alimentari comunque freschi e deperibili, come ha rimarcato Bellanova, sono sicuri, sono uno dei fondamenti della dieta mediterranea. «Non c'è nessuna ragione al mondo - ha aggiunto - per modificare il nostro regime alimentare che è sano, sicuro e di qualità».

«Anche in questo momento così delicato, dobbiamo ricordare che dietro ai prodotti c'è il lavoro, l'impegno ed il sacrificio di moltissime imprese e lavoratori: garantirle e sostenerle anche con l'acquisto dei loro prodotti, significa garantire e sostenere una parte fondamentale della nostra economia e del nostro Paese. Abbiamo bisogno di rispettare le regole, certo, e quanto mai sono necessari la saggezza, l'equilibrio, la misura. Così, insieme, riusciremo a sconfiggere il coronavirus. Distanti, ma uniti come non mai».

 

Negozi alimentari sempre aperti

Bellanova ha invitato al ferreo rispetto delle regole ma ha ribadito. «Tutto questo non significa che l'Italia debba fermarsi: i negozi alimentari, i mercati, i supermercati sono e rimarranno aperti, anche nei giorni festivi. Stiamo assistendo a code e accaparramenti davanti ai negozi».

In questa direzione vanno anche i presidenti di quelle Regioni, come Lombardia e anche  Veneto, che stanno premendo per un'ulteriore stretta alla distribuzione. Resta inteso, ovviamente, che la chiusura delle serrande, qualora venga decisa nei prossimi giorni, farà in modo che produzione e distribuzione alimentare vengano sempre tutelate e assicurate.

 

Ministra Bellanova: #distantimauniti senza fermare l’Italia - Ultima modifica: 2020-03-11T15:42:30+01:00 da Francesca Baccino

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome