Fertilizzanti, serve un’informazione corretta

I fertilizzanti sono passati in pochi decenni da mezzi tecnici con un'immagine positiva, artefici dell'aumento delle rese della rivoluzione verde, a "mostro" da sbattere in prima pagina, accusati di ogni sorta di nefandezze e "inquinamenti". Eppure per portare un po' più di equilibrio ed uscire dalle pagine di cronaca nera basterebbe un po' più di attenzione: investimenti, leggi e solidarietà da parte del mondo agricolo, che non può fare a meno di questi mezzi tecnici per i propri obiettivi di sostenibilità, innanzitutto economica

A volte c’è da chiedersi dove abbiamo sbagliato.

Dopo più di 20 anni nel settore dell’informazione specializzata rileviamo la quasi totale assenza dei fertilizzanti dalle pagine dell’informazione generalista, per non parlare della televisione.

Se e quando si tratta di concimi, i motivi sono quasi sempre riconducibili a due casi: inserzioni a pagamento (talvolta maldestramente truccate da articoli) e cronaca nera. Attirano più le esternazioni di qualche attore che va in televisione a parlare male dell’"odore di cadavere" che proviene da un impianto di produzione fertilizzanti, che l’impegno di una parte dell’industria volto a cercare soluzioni innovative per la nutrizione delle piante.

 

 

Editoriale di Terra e Vita 16/2021

Abbonati e accedi all’edicola digitale

Un piccolo esempio, tra i tanti, può al meglio descrivere la "maionese impazzita".

Fa notizia il mais blu, con tanto di fotografie di granoturco che non c’entrano niente col nome dato all’indagine (e anche su queste scelte ci sarebbe da ridire) e con la lista puntuale degli indagati ma non interessa a nessuno come stanno cambiando le norme del comparto chimico in generale e dei fertilizzanti in particolare.

In realtà non ce la possiamo prendere del tutto con i giornalisti che, ovviamente, cavalcano le notizie che attirano più lettori/telespettatori, basta vedere il taglio che alcune trasmissioni di approfondimento danno quando devono trattare di mezzi tecnici per l’agricoltura; in questo i fitosanitari fanno ottima compagnia ai fertilizzanti, anzi spesso i “giornalisti” arrivano persino a confonderli.

La cosa che più ci infastidisce è la totale indifferenza degli operatori del settore (e delle associazioni che li rappresentano) che arrivano addirittura a cogliere gli aspetti vantaggiosi (della serie: mors tua, vita mea) del danno arrecato a un loro concorrente. Intanto noi ci crogioliamo nello sciorinare slogan e frasi come: Green Deal, sostenibilità, Farm to Fork, smart, economia circolare, resilienza ecc., spesso messe lì, a caso, solo perché ormai non si può parlare di concimi senza “infilarci” almeno un paio di questi termini.

Cosa possiamo fare? Forse basterebbe che, ogni volta che giornali o televisioni danno una visione distorta (ovvero completamente errata) del nostro settore, si stilasse un bel comunicato stampa che, scientificamente e puntualmente, smontasse le accuse, spiegasse le differenze, illustrasse i fatti per quello che sono al di là della notizia.

Dagli oggi e dagli domani, potrebbe darsi che i giornalisti prenderebbero l’abitudine di documentarsi e/o di sentire anche qualche esperto del settore, prima di vomitare parole e servizi sul nostro già ferito comparto.

Perché farlo? Non solo per una questione di principio e di corretta informazione ma servirebbe a contrastare anche il pensiero del “politicamente corretto” che frena non solo il Palazzo ma anche la società civile, ad esempio a pensare a investimenti, leggi e attività volte al sostegno del settore fertilizzanti.

Oggi fa molto più “in” sparare a zero sulla chimica e puntare su cavalli come l’agricoltura biologica (senza sapere che anch’essa non esisterebbe senza chimica), piuttosto che affrontare questi temi con obiettività e coscienza. La paura di parlar bene di concimi e fitosanitari è figlia del pensiero corrente che, a sua volta, è fortemente condizionato dai mezzi d’informazione plasmatori delle masse: sarebbe il caso di iniziare ad incrinare questi luoghi comuni.


Mariano Alessio Vernì
Coordinatore dell’FCN (Fertiliser
Consultants Network)

Fertilizzanti, serve un’informazione corretta - Ultima modifica: 2021-05-24T09:25:27+02:00 da K4

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome