Obiettivo Orticoltura

  • Il progetto
  • Tutte le colture
  • Fragola
  • Pomodoro
  • Zucchino
  • Melone
  • Insalate
  • Finocchio
  • Sedano
  • Spinacio
  • Le nostre soluzioni

Edagricole è al fianco di BASF nel progetto Obiettivo Orticoltura!

Scopri in queste pagine le soluzioni e le strategie di difesa innovative sviluppate a supporto delle più importanti filiere orticole, uno dei più preziosi fiori all’occhiello dell’agricoltura nazionale.

Clicca sulla coltura o sulla regione di tuo interesse: troverai contributi video direttamente dal campo di tecnici esperti ed agricoltori, consigli dettagliati, notizie utili ed approfondimenti.

Image
insalata
pomodoro
pomodoro
pomodoro
pomodoro
melone
insalata
insalata
zucchino
zucchino
finocchio
sedano
spinacio
fragola
fragola
Image
Ricche di antiossidanti, le fragole sono un frutto molto apprezzato dai consumatori di tutte le età.
Lungo la penisola se ne producono circa 130mila tonnellate (quarta performance a livello europeo), su 3.800 ettari tra pieno campo e serre.
Basilicata, Campania, Sicilia e Veneto le zone più vocate. Circa il 10% la quota esportata, soprattutto in Germania e Austria.

Una corretta difesa, soprattutto da oidio, muffa grigia, vaiolatura, batteriosi, ragnetto rosso e nottue è imprescindibile per offrire al mercato un prodotto sano ed esteticamente perfetto.

Se applicata correttamente, la strategia di BASF garantisce ai produttori di fragole in termini di quantità e qualità.
Ricche di antiossidanti, le fragole sono un frutto molto apprezzato dai consumatori di tutte le età.
Lungo la penisola se ne producono circa 130mila tonnellate (quarta performance a livello europeo), su 3.800 ettari tra pieno campo e serre.
Basilicata, Campania, Sicilia e Veneto le zone più vocate. Circa il 10% la quota esportata, soprattutto in Germania e Austria.

Una corretta difesa, soprattutto da oidio, muffa grigia, vaiolatura, batteriosi, ragnetto rosso e nottue è imprescindibile per offrire al mercato un prodotto sano ed esteticamente perfetto.

Se applicata correttamente, la strategia di BASF garantisce ai produttori di fragole in termini di quantità e qualità.
fragola
Coming soon
fragola
Fragola, il ruolo di Nealta nella difesa dal ragnetto rosso

FRAGOLA

La strategia di difesa
Image
Clicca sulle icone per vedere i video Simbolo dell’Italia nel mondo, il pomodoro da industria occupa 75mila ettari la maggior parte dei quali concentrati tra Pianura Padana, Puglia e Campania.
La produzione annua supera i cinque milioni di tonnellate.
Per soddisfare le richieste di consumatori sempre più esigenti, le industrie di trasformazione chiedono agli agricoltori una materia prima di qualità sempre più elevata.

I principali nemici del pomodoro da industria sono peronospora, oidio, alternaria, nottue e ragnetto rosso.
Per tutelare un prodotto così importante per l’agroalimentare italiano la ricerca BASF ha messo a punto una serie di soluzioni efficaci e sostenibili.

Scoprile in questi video.
Clicca sulle icone per vedere i video Simbolo dell’Italia nel mondo, il pomodoro da industria occupa 75mila ettari la maggior parte dei quali concentrati tra Pianura Padana, Puglia e Campania.
La produzione annua supera i cinque milioni di tonnellate.
Per soddisfare le richieste di consumatori sempre più esigenti, le industrie di trasformazione chiedono agli agricoltori una materia prima di qualità sempre più elevata.

I principali nemici del pomodoro da industria sono peronospora, oidio, alternaria, nottue e ragnetto rosso.
Per tutelare un prodotto così importante per l’agroalimentare italiano la ricerca BASF ha messo a punto una serie di soluzioni efficaci e sostenibili.

Scoprile in questi video.
pomodoro
Pomodoro da industria, ecco come battere peronospora e alternaria
pomodoro
Pomodoro da industria, più produzione e più redditività con una difesa efficace
pomodoro
Pomodoro da industria, l'innovativa difesa fungicida di Basf
pomodoro
Pomodoro da industria in Campania: strategie di difesa 2021

POMODORO

La strategia di difesa
Image
Chiare o scure, lunghe o corte, coltivate in pieno campo o in serra.
Le zucchine sono uno dei cinque ortaggi più coltivati in Italia.
Oltre 16mila gli ettari dedicati in tutta la Penisola, per 550mila tonnellate raccolte, circa il 37% della produzione europea. Una coltura chiave anche per la IV Gamma e l’industria alimentare.

Per garantire agli orticoltori la giusta redditività la difesa dalle principali malattie fungine e dai parassiti diventa quindi un aspetto fondamentale.

I tecnici BASF hanno sviluppato strategie adatte per ogni areale e tipo di coltivazione.
Chiare o scure, lunghe o corte, coltivate in pieno campo o in serra.
Le zucchine sono uno dei cinque ortaggi più coltivati in Italia.
Oltre 16mila gli ettari dedicati in tutta la Penisola, per 550mila tonnellate raccolte, circa il 37% della produzione europea. Una coltura chiave anche per la IV Gamma e l’industria alimentare.

Per garantire agli orticoltori la giusta redditività la difesa dalle principali malattie fungine e dai parassiti diventa quindi un aspetto fondamentale.

I tecnici BASF hanno sviluppato strategie adatte per ogni areale e tipo di coltivazione.
zucchino
Zucchino in pieno campo, la strategia Basf contro la peronospora
zucchino
Zucchino in serra, la strategia Basf contro l'oidio

ZUCCHINO

La strategia di difesa
Image
Principe delle macedonie estive o abbinato al prosciutto crudo, il melone è uno dei frutti più apprezzati dagli italiani. I numeri lo confermano: le 600mila tonnellate prodotte ogni anno nei circa 300mila ettari sparsi un po’ in tutta Italia, ma concentrati soprattutto in Sicilia, Puglia, Lombardia ed Emilia-Romagna, sono tutte destinate al consumo interno.

La cucurbitacea è insidiata soprattutto da peronospora, oidio, afidi e nottue e la difesa gioca un ruolo centrale nella buona riuscita della produzione, anche per rispettare i parametri richiesti nelle produzioni certificate.

Qui troverete i consigli di BASF per produrre meloni perfetti.
Principe delle macedonie estive o abbinato al prosciutto crudo, il melone è uno dei frutti più apprezzati dagli italiani. I numeri lo confermano: le 600mila tonnellate prodotte ogni anno nei circa 300mila ettari sparsi un po’ in tutta Italia, ma concentrati soprattutto in Sicilia, Puglia, Lombardia ed Emilia-Romagna, sono tutte destinate al consumo interno.

La cucurbitacea è insidiata soprattutto da peronospora, oidio, afidi e nottue e la difesa gioca un ruolo centrale nella buona riuscita della produzione, anche per rispettare i parametri richiesti nelle produzioni certificate.

Qui troverete i consigli di BASF per produrre meloni perfetti.
melone
Oidio sulle cucurbitacee: scopri l'efficacia di Dagonis
melone
Melone in pieno campo, la strategia Basf contro l'oidio

MELONE

La strategia di difesa
Image
Clicca sulle icone per vedere i video Che siano acquistate in cespi nei banchi dell’ortofrutta o nelle buste, già lavate e tagliate, i consumatori non ammettono il minimo difetto per le insalate. In Italia se ne producono 3,5 milioni di tonnellate su un areale di 15mila ettari.

Peronospora, marciumi e afidi sono i nemici più insidiosi per lattughe ed insalate.
Diventa quindi fondamentale individuare il patogeno giusto in base ai sintomi per allestire la strategia di difesa più efficace.

Ecco come fare grazie all’esperienza maturata da BASF in questo settore.
Clicca sulle icone per vedere i video Che siano acquistate in cespi nei banchi dell’ortofrutta o nelle buste, già lavate e tagliate, i consumatori non ammettono il minimo difetto per le insalate. In Italia se ne producono 3,5 milioni di tonnellate su un areale di 15mila ettari.

Peronospora, marciumi e afidi sono i nemici più insidiosi per lattughe ed insalate.
Diventa quindi fondamentale individuare il patogeno giusto in base ai sintomi per allestire la strategia di difesa più efficace.

Ecco come fare grazie all’esperienza maturata da BASF in questo settore.
insalata
Difesa del radicchio in Veneto, le soluzioni Basf e i risultati ottenuti
insalata
Coming soon
insalata
Coming soon

INSALATE

La strategia di difesa
Image
Con 17mila ettari dedicati e un raccolto di circa 370mila tonnellate, l’Italia è di gran lunga il primo produttore mondiale di finocchi: la quota si aggira intorno all’80% del totale. Campania, Puglia, Basilicata e Lazio le regioni dove si coltiva di più, con raccolta scalare a seconda della latitudine. Circa il 10% della produzione viene esportata.
Si tratta quindi di un ortaggio che contribuisce alla buona reputazione dell’agroalimentare italiano all’estero.
Per questo è fondamentale offrire ai mercati un prodotto con caratteristiche estetiche e organolettiche ottimali.

Le proposte di BASF per la difesa dalle principali patologie che possono colpire questa orticola sono un valido contributo al raggiungimento di questo obiettivo.
Con 17mila ettari dedicati e un raccolto di circa 370mila tonnellate, l’Italia è di gran lunga il primo produttore mondiale di finocchi: la quota si aggira intorno all’80% del totale. Campania, Puglia, Basilicata e Lazio le regioni dove si coltiva di più, con raccolta scalare a seconda della latitudine. Circa il 10% della produzione viene esportata.
Si tratta quindi di un ortaggio che contribuisce alla buona reputazione dell’agroalimentare italiano all’estero.
Per questo è fondamentale offrire ai mercati un prodotto con caratteristiche estetiche e organolettiche ottimali.

Le proposte di BASF per la difesa dalle principali patologie che possono colpire questa orticola sono un valido contributo al raggiungimento di questo obiettivo.
finocchio
Coming soon

FINOCCHIO

La strategia di difesa
Image
Ricco di sali minerali e vitamine, povero di calorie, il sedano è una presenza fissa nei piatti della dieta mediterranea.
Ma è anche un’orticola dall’elevato valore commerciale per chi la produce. L’80% della produzione italiana (circa 24.000 ettari sui quali si raccolgono centomila tonnellate di prodotto) è concentrato in Piemonte, Puglia, Emilia-Romagna e Lazio.
L’Italia è il primo produttore europeo (41% del totale) e uno dei primi a livello mondiale.

Alternaria, septoriosi, marciume e virosi sono i principali nemici di questa coltura, ma combatterli in maniera efficace è possibile grazie all’esperienza maturata sul campo da BASF.
Ricco di sali minerali e vitamine, povero di calorie, il sedano è una presenza fissa nei piatti della dieta mediterranea.
Ma è anche un’orticola dall’elevato valore commerciale per chi la produce. L’80% della produzione italiana (circa 24.000 ettari sui quali si raccolgono centomila tonnellate di prodotto) è concentrato in Piemonte, Puglia, Emilia-Romagna e Lazio.
L’Italia è il primo produttore europeo (41% del totale) e uno dei primi a livello mondiale.

Alternaria, septoriosi, marciume e virosi sono i principali nemici di questa coltura, ma combatterli in maniera efficace è possibile grazie all’esperienza maturata sul campo da BASF.
sedano
Coming soon

SEDANO

La strategia di difesa
Image
Freschi o surgelati, gli spinaci sono un alimento ricco di potassio e dal basso contenuto calorico.
L’Italia ne produce circa novantamila tonnellate in 50mila ettari tra serra e pieno campo, piazzandosi al nono posto nella classifica mondiale per volumi.

Vulnerabile agli attacchi di peronospora e botrite che possono distruggere anche l’intera coltivazione, questa coltura ha bisogno di essere difesa con molta cura.

In questa sezione BASF illustra tutti i consigli e i principi attivi più adatti per proteggere la pianta e garantire la redditività della produzione.
Freschi o surgelati, gli spinaci sono un alimento ricco di potassio e dal basso contenuto calorico.
L’Italia ne produce circa novantamila tonnellate in 50mila ettari tra serra e pieno campo, piazzandosi al nono posto nella classifica mondiale per volumi.

Vulnerabile agli attacchi di peronospora e botrite che possono distruggere anche l’intera coltivazione, questa coltura ha bisogno di essere difesa con molta cura.

In questa sezione BASF illustra tutti i consigli e i principi attivi più adatti per proteggere la pianta e garantire la redditività della produzione.
spinacio
Coming soon

SPINACIO

La strategia di difesa

Radicchio, proteggere le foglie da oidio, botrite e sclerotinia 

Rosso o variegato, precoce o tardivo deve arrivare alle tavole dei consumatori con caratteristiche qualitative impeccabili. Per questo serve una strategia che difenda la coltura fino alla raccolta

Bacillus, un’arma in più per la difesa del pomodoro da industria

L’impiego di spore pure di Bacillus amyloliquefaciens su pomodoro da industria ha portato notevoli vantaggi dal punto di vista produttivo e da quello dello sviluppo fisiologico della coltura

Zucchino in serra, l’oidio non spaventa 

Con una raccolta pressoché continua, la strategia di difesa deve partire precocemente e con prodotti a breve tempo di carenza

© New Business Media Srl. Tutti i diritti riservati. Sede legale Via Eritrea 21 – 20157 Milano | Codice fiscale, Partita IVA e Iscrizione al Registro delle imprese di Milano: 08449540965

Obiettivo Orticoltura - Ultima modifica: 2021-04-13T15:08:30+02:00 da Terra e Vita
css.php