Pomodoro da industria, in Emilia è allarme costi di produzione

    pomodoro da industria
    A lanciarlo è Confagricoltura: tra perdita di prodotto a causa della siccità e minori ricavi dovuti al rincaro di energia e mezzi tecnici chi coltiverà ancora la solanacea nel 2023?

    «Senza acqua si rischia di non raccogliere nulla delle varietà medio-tardive, ma il bilancio è amaro anche per chi ha cominciato a conferire agli stabilimenti di trasformazione: i costi di coltivazione sono insostenibili»». Questo il commento del presidente dei produttori di pomodoro da industria di Confagricoltura Emilia-Romagna, Giovanni Lambertini quando la campagna di raccolta sta per entrare nel vivo.

    Costi schizzati in alto dopo la firma dell'accordo sul prezzo

    Sono dure le parole di Lambertini. Dalla firma dell’accordo-quadro per la campagna 2022 del pomodoro da industria del Nord Italia (lo scorso 12 aprile), i prezzi di energia, carburanti e mezzi tecnici sono lievitati a dismisura. «Nel secondo trimestre, causa siccità e crisi energetica, le principali voci di spesa hanno registrato un ulteriore balzo. Sono esplosi i costi per mantenere in funzione gli impianti irrigui spingendo al massimo il consumo di energia elettrica e gasolio; è andata sempre peggio – sottolinea il produttore piacentino – perché il grande caldo non dà tregua. È inoltre proseguita la corsa dei prezzi di fitofarmaci e fertilizzanti, che figurano tra i prodotti più rincarati».

    Giovanni Lambertini

    In campo molte criticità

    Confagricoltura Emilia Romagna lancia l’allarme, in gioco c’è la produzione di pomodoro da industria in Emilia-Romagna su circa 25.000 ettari coltivati. Le criticità rilevate in campo scontano gli effetti del cambiamento climatico: sovramaturazione, anomalie del frutto e malattie delle piante dovute alla siccità e al grande caldo. Sovrapposizione delle epoche di raccolta (ad esempio, tra varietà precoci e medio-precoci visto che, in alcuni areali, i trapianti di aprile sono stati rallentati dalle piogge), oppure, semplicemente, per una accelerazione del processo di maturazione. Preoccupano le aree fragili dove manca la risorsa idrica per le irrigazioni (la valle del Trebbia e a destra del fiume Arda nel piacentino; la valle dell’Enza e gli affluenti del Po Parma, Taro e Baganza nel parmense; il delta del Po e la risalita del cuneo salino). Confagricoltura si batte da tempo per la realizzazione di invasi di stoccaggio ad uso plurimo.

    Il prossimo anno chi coltiverà ancora pomodoro?

    «La nostra regione rappresenta il 68% della superficie totale investita nel Nord Italia – ricorda il presidente di Confagricoltura Emilia Romagna Marcello Bonvicini –. Cosa succederà nella prossima campagna se non ci attiviamo subito a sostegno delle aziende produttrici? A queste condizioni, e con rischi così elevati, chi coltiva più pomodoro da industria? – si chiede il presidente regionale – i produttori ci penseranno non due ma mille volte prima di piantare. Bisogna garantire la tenuta del comparto, aiutare le aziende agricole a superare la crisi di liquidità, a ripianare i mancati introiti, altrimenti le coltivazioni di pomodoro in Emilia-Romagna subiranno una drastica riduzione nel 2023».

    Pomodoro da industria, in Emilia è allarme costi di produzione - Ultima modifica: 2022-07-28T12:51:31+02:00 da Terra e Vita

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento
    Per favore inserisci il tuo nome