Ralstonia solanacearum, il piano di contrasto della Regione Emilia-Romagna

    ralstonia solanacearum
    Previsto il monitoraggio delle zone a rischio, la sanificazione di terreni e impianti di trasformazione, l'indennizzo degli imprenditori agricoli che hanno subito danni alle coltivazioni oltre ad attività di sperimentazione di tecniche innovative per contrastare il patogeno

    Studio di tecniche di contrasto innovative, sistemi di sanificazione degli impianti di trasformazione e dei terreni, oltre ad adeguate rotazioni colturali. Oltre alla conferma degli indennizzi agli agricoltori che hanno subito danni alle coltivazioni. Questi, in estrema sintesi, i contenuti principali del piano d’azione messo a punto dalla Regione Emilia-Romagna per contrastare la diffusione della Ralstonia solanacearum, il batterio killer del pomodoro originario dei Paesi tropicali e subtropicali che da qualche anno ha fatto sporadicamente la sua comparsa in alcuni areali coltivati a pomodoro da industria in provincia di Parma e Ferrara, oltre che in coltivazioni di patate situate in altre circoscritte aree del territorio regionale.

    Non esistono mezzi chimici e biologici per debellare e mettere definitivamente fuori gioco il patogeno, che causa l’appassimento delle piante di pomodoro, con gravi danni alle rese. Pertanto, al momento l’unico rimedio per scongiurare l’allargamento del contagio è l’eliminazione delle piante infette e la disinfestazione di tutto ciò che è venuto a contatto con le produzioni contaminate (macchinari per la raccolta, mezzi di trasporto, imballaggi, ecc.).

     

     

    Lotta a tutto campo contro il patogeno

    Per quanto riguarda l’attività di ricerca e sperimentazione, la Regione, accogliendo una specifica richiesta dell’Oi pomodoro Nord Italia, ha avviato un programma triennale 2021-2023 di azioni finalizzate a migliorare la conoscenza delle modalità di diffusione del batterio, oltre a studiare tecniche innovative di contrasto e un affidabile sistema di sanificazioni degli impianti e adeguate rotazioni colturali.

    Il programma è stato messo a punto dal Servizio fitosanitario regionale, in stretto coordinamento con i tecnici del Consorzio fitosanitario di Parma, dell’Oi del pomodoro del Nord Italia e del Dipartimento delle produzioni vegetali sostenibili dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza. Tra le azioni potenziate, il monitoraggio capillare sull’eventuale presenza sul territorio di Ralstonia solanacearum. L’attività di screening, in via di completamento, è portata avanti dagli ispettori del Consorzio fitosanitario di Parma.

    È inoltre in corso di svolgimento una prova sperimentale sulla prevenzione del rischio di diffusione del pericoloso batterio in caso di contaminazione accidentale in un impianto-pilota di trasformazione industriale. La prova, finanziata dalla Regione, è svolta sulla base di un’apposita convezione tra al Consorzio fitosanitario di Parma e la locale Stazione sperimentale per le conserve alimentari.

    Rabboni (Oi pomodoro): «Bene il piano regionale»

    «Quella contro la Ralstonia Solanacearum è una battaglia da combattere tutti insieme: agricoltori, trasformatori ed istituzioni. Il via libera della Regione Emilia-Romagna al piano di lotta contro il batterio-killer del pomodoro, un percorso condiviso con l’Oi, è una notizia molto positiva per tutto il comparto perché considera tutti gli aspetti: l’azione di sanificazione degli impianti di trasformazione, adeguate rotazioni colturali, lo studio di tecniche innovative e la conferma degli indennizzi agli agricoltori danneggiati».
    Questo il commento del presidente dell’Organizzazione interprofessionale Oi Pomodoro da industria del Nord Italia Tiberio Rabboni alla notizia del via libera della Regione al piano anti-Ralstonia.
    «Fin dal 2017 – ricorda Rabboni – la Regione Emilia Romagna, il Servizio Fitosanitario regionale, il Consorzio Fitosanitario di Parma e Piacenza e l’Oi hanno avviato una stretta e proficua collaborazione per contrastare la diffusione di fitopatie e insetti dannosi per la coltivazione del pomodoro, in particolare il Ragnetto Rosso e la Ralstonia Solanacearum».
    Ralstonia solanacearum, il piano di contrasto della Regione Emilia-Romagna - Ultima modifica: 2021-09-03T14:51:21+02:00 da Simone Martarello

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento
    Per favore inserisci il tuo nome