L’innovazione nella difesa passa dagli ugelli

difesa
Fondamentale anche l’adattamento automatico dell’altezza della barra

La riduzione ai minimi termini della deriva rimane uno degli obiettivi più importanti quando si parla di difesa delle colture e di macchine irroratrici. Per ottenere questo risultato, uno dei parametri su cui i costruttori di irroratrici stanno lavorando negli ultimi anni è quello dell’altezza ideale della barra rispetto alla coltura bersaglio, che consente un’applicazione ottimale dei fitofarmaci. Per garantire questa altezza ideale sono state presentate soluzione di adattamento automatico dell’altezza del braccio di irrorazione insieme a funzioni di cambio automatico degli ugelli durante la distribuzione.

Alcune novità sono state presentate in occasione del Sima di Parigi, ne abbiamo selezionate alcune che descriviamo qui di seguito in modo sintetico.

 

AMAZONE HeightSelect 

Per una difesa efficace delle colture, sostiene il brand di Hasbergen-Gaste (Germania), è necessario considerare sia i parametri tecnici sia le condizioni meteo. L’obiettivo è quello di mantenere una irrorazione che offra una deriva minima, conseguibile non soltanto grazie a una opportuna scelta degli ugelli, pressione e velocità di avanzamento, ma anche mantenendo un’altezza opportuna della barra. L’altezza ottimale della barra dipende dall’angolo di spruzzo degli ugelli e dalla loro distanza lungo la barra, che può essere di 25 o 50 cm. La distribuzione laterale ottimale del prodotto sulla superficie bersaglio è garantita solo quando vengono ben combinate tra loro tutte queste variabili. Il controllo elettrico individuale degli ugelli AmaSelect consiste in un corpo di 4 ugelli in grado di cambiarsi tra loro o chiudersi attraverso un controllo elettronico. In opzione è disponibile anche un kit per una distanza tra gli ugelli di 25 cm. Ciò offre il vantaggio, in combinazione con gli speciali ugelli a 80°, di ridurre la distanza dalla superficie da irrorare a meno di 50 cm. AmaSelect offre quindi ai suoi clienti la possibilità di non dover più scendere dal trattore per cambiare ugello, ma potrà farlo stando seduto in cabina. Un’ulteriore possibilità consiste nell’eseguire automaticamente il cambio o la chiusura di un singolo ugello. Inserendo nel terminale il range di pressione ottimale di ciascun ugello all’interno del gruppo di 4 ugelli, il sistema automaticamente passa da un ugello all’altro come specificato. Questo offre la possibilità di passare dalla configurazione con 50 cm di distanza tra gli ugelli ad una di 25 cm o in alternativa azionare un ugello più grande.

Leggi l'articolo completo su Terra e Vita 11/2017 L’Edicola di Terra e Vita

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome