La Regione Puglia lancia la controffensiva contro la Xylella

regione puglia michele emiliano
Michele Emiliano, presidente della Regione Puglia
Abbattimenti delle piante infette, azioni contro il vettore, incentivi alla Ricerca. Le azioni intraprese dalla Regione Puglia e i cambiamenti in corso nell'azione per la gestione del caso Xylella. Obiettivi, metodi e strategie delineati in un convegno a Lecce

«Sul fronte Xylella la Regione Puglia si è sempre battuta e si sta battendo con tutte le sue forze a tutela del territorio, sostenendo la ricerca, i monitoraggi e gli agricoltori». È con queste parole che il governatore regionale pugliese Michele Emiliano rivendica «il massimo impegno, ieri come oggi, nell’affrontare un evento nuovo, mai visto e vissuto da nessuno per dimensione e intensità del fenomeno». Il convegno di studi “Il ruolo della Regione Puglia nella gestione di Xylella fastidiosa: obiettivi, metodi e strategie”, in corso a Lecce, promosso e organizzato dalla stesa Regione con l’assessorato all’Agricoltura e Risorse agroalimentari mira a fare il punto su ciò che è stato fatto contro il temibile batterio da quarantena e quanto occorre cambiare nell'azione di contrasto.


regione puglia xylella
Michele Emiliano, Gianluca Nardone e Leonardo DiGioia durante la conferenza sulla Xylella organizzata dalla Regione Puglia presso il Campus EcoTeknè di Lecce

Il monitoraggio dell'Arif

Il convegno, che sta presentando a tutto tondo lo stato attuale dell’arte sulla delicata questione Xylella, si è articolato in due sessioni. La prima, presieduta dall’assessore all’Agricoltura Leonardo di Gioia, presenta le “Azioni a regia diretta”, cioè le attività di monitoraggio svolte dall’Arif, le misure fitosanitarie predisposte dall’Osservatorio fitosanitario regionale, le azioni di supporto alle aziende colpite da Xylella messe a punto dal Dipartimento Agricoltura. «Non ci stiamo occupando solo di metodologie di monitoraggio e tecniche di contenimento, ma anche di sostegno reale agli agricoltori sotto forma di rinegoziazione dei mutui di investimento e di ripristino del potenziale produttivo con i nuovi impianti».

Le risposte della ricerca

La seconda sessione, “Cooperazione & sostegno alla ricerca”, presieduta dal direttore del Dipartimento Agricoltura, Gianluca Nardone, sta schiudendo nuove speranze alla soluzione del problema Xylella con la presentazione dei progetti selezionati e finanziati dalla Regione Puglia con i bandi per la ricerca con Codice A (6), B (4) e C (16) previsti dalla Deliberazione della Giunta regionale n. 1410 del 12/06/2015 “Linee guida per il parco della ricerca e sperimentazione finalizzata alla prevenzione e al contenimento del Complesso del disseccamento rapido dell’olivo”. A questi progetti sono seguiti i contributi offerti dalle Università di Bari e di Foggia per il monitoraggio e il controllo degli insetti vettori del batterio, del Crea-Unità di ricerca sulla frutticoltura per una possibile convivenza con il batterio, dove è ormai endemicamente presente, e dell’Istituto per la protezione sostenibile delle piante – Cnr di Bari per la ricerca di varietà tolleranti/resistenti al batterio.

regione puglia xylella
Olivi secolari con disseccamenti causati dalla Xylella. Il presidente Emiliano mette in evidenza come gli abbattimenti abbiano costituito la più efficace garanzia contro l'avanzata dilagante dell'epidemia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome