Un milione di ex-agricoltori con pensioni sotto i 510 € al mese

pensioni
È emergenza sociale per la Cia che è molto preoccupata del richiamo di Bruxelles e del Fmi sul sistema previdenziale italiano: «Contestiamo una tesi non suffragata da dati certi».

La Cia-Agricoltori Italiani è molto preoccupata dell’ennesimo richiamo del Fondo monetario internazionale che tenderebbe a dimostrare la non sostenibilità del sistema previdenziale italiano. Per questo la legge Fornero sarebbe intoccabile, così come le future pensioni dei giovani saranno basse a causa dei padri e dei nonni. La Cia, sulla base delle elaborazioni del proprio Patronato Inac supportato da analisi di studi indipendenti, spiega: «in Italia oggi oltre 2,2 milioni di anziani vivono con pensioni al di sotto di 510 € e, di questi, circa un milione sono ex agricoltori. Una situazione di vera emergenza sociale, che rischia di peggiorare nei prossimi anni. Con la reintroduzione del sistema contributivo, i futuri pensionati agricoltori con contributi a partire dal 1996 non avranno nemmeno più l'integrazione al minimo, con pensioni anche di 276 € al mese. Nel bilancio previdenziale italiano ci sono le risorse per garantire una pensione base da aggiungere alla pensione contributiva».

Ad avviso di Cia e Inac «il Fmi sostiene queste tesi senza il supporto di dati reali sul bilancio previdenziale italiano. Per effettuare considerazioni serie sul sistema pensionistico italiano - si evidenzia - bisognerebbe partire dal bilancio dell’Inps, il quale ci dice in modo incontrovertibile che la vera spesa previdenziale italiana è di 150,9 miliardi, al netto dell’assistenza e di 49 miliardi di Irpef pagata dai pensionati. La spesa per pensioni in Italia, che incide per l’11% sul Pil, al di sotto della media europea, non solo è in perfetto equilibrio, ma grazie alle entrate contributive registra nel 2016 un attivo di ben 30,3 miliardi di euro è una verità inconfutabile».

«Quindi sbaglia l’Istat quando, a differenza di quello che fanno la Germania e gli altri Paesi europei, considera la spesa per pensioni al lordo dell’assistenza e dell’Irpef - proseguono Cia e Inac - e calcola un’incidenza assurda sul Pil del 17%, a cui fanno riferimento acriticamente o strumentalmente gli economisti più accaniti nell’affermare che la spesa previdenziale è fuori controllo. Basterebbe leggere il glossario allegato alla statistica sulla spesa pensionistica per accorgersi di come l’Istat faccia di tutta l’erba un fascio. Non solo l’Istat non sottrae la tassazione Irpef e non separa l’assistenza dalla previdenza, ma addirittura infarcisce la spesa pensionistica italiana anche con le rendite infortunistiche e le malattie professionali, per non parlare delle pensioni di guerra».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome