Pere, le nuove varietà di Unibo

pere
Early Giulia - La caratteristica peculiare della varietà Early Giulia™ è senza dubbio la sua precocità, fino a quindici giorni di anticipo rispetto Williams. Presenta, inoltre, una buona produttività e conservabilità dei frutti. La pianta mostra una vigoria medio-elevata, a portamento leggermente espanso e una buona compatibilità col cotogno, garantisce inoltre una rapida entrata in produzione. Il periodo di fioritura è intermedio, praticamente contemporaneo all’Abate Fétel, mentre la maturazione è molto precoce, mediamente dal 20 di luglio in poi. La fruttificazione avviene sia dalle lamburde su branche di due o tre anni, sia dai brindilli. I frutti di buona pezzatura, oltre i 200 g, sono di forma piriforme-tronca, con la buccia di colore verde chiaro. Inoltre la superficie esposta al sole, quango giunge a maturazione assume una colorazione rosata. La polpa si presenta bianca, fondente e succosa, con buon equilibrio zuccheri-acidi.
Saranno presto disponibili quattro nuove varietà nate all’Università di Bologna, tolleranti alle patologie più difficili e con ottime caratteristiche organolettiche

Saranno presto disponibili quattro nuove varietà di pere nate all’Università di Bologna.

«Caratterizzate da precocità, produttività e tolleranza allo Stemphylium, esprimono allo stesso tempo doti di dolcezza e sapore molto positive – ha detto Stefano Musacchi, ricercatore del dipartimento, intervenuto alla presentazione presso l’ateneo bolognese –. «I dati sulla conservabilità sono incoraggianti, fino a un periodo di sei mesi dalla raccolta, se opportunamente conservate in celle frigorifere ad atmosfera controllata. Per queste nuove varietà (Early Giulia™, Lucy Sweet™, Debby Green™ e Lucy Red™) è già stata presentata la Domanda di Privativa comunitaria (privativa vegetale Ue, presso Cpvo) a titolarità Alma Mater Studiorum-Università di Bologna. A oggi sono già attivi i contatti con numerose aziende, a livello nazionale ed internazionale, interessate all’acquisto dei diritti di moltiplicazione del materiale vegetale registrato, quindi presto le nuove varietà saranno a disposizione dei produttori di pere italiani ed esteri. Il flusso di denaro così generato, grazie ad una ricerca condotta con fondi pubblici, sarà reinvestito per nuove attività di ricerca dell’Ateneo bolognese».

La ricerca, condotta in collaborazione con il Consorzio italiano vivaisti di Ferrara, ha cercato di selezionare le cultivar per gli aspetti qualitativo-sensoriali del frutto, la tolleranza alle principali patologie, la conservabilità e soprattutto un calendario di maturazione estivo precoce.

Gli impianti realizzati con le nuove varietà possono essere visitati presso i campi sperimentali dell’azienda agraria di Cadriano (Bo).

 

 

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome