Coronavirus, ai pastori nove euro in più per ogni agnello Igp macellato

agnello
Ai circa sei euro del premio accoppiato per ogni capo macellato se ne aggiungeranno altri 9 grazie al Fondo per la Competitività delle filiere istituito con Decreto dal Governo per attenuare le perdite causate dall'emergenza coronavirus

Per ogni agnello marchiato Igp macellato dal primo marzo al trenta aprile 2019 i pastori sardi riceveranno quest’anno 15 euro. Ai circa sei euro del premio accoppiato che ricevono ogni anno se ne aggiungeranno altri 9 grazie al Fondo per la Competitività delle filiere istituito con Decreto dal Governo per attenuare le perdite del settore agricolo a causa del coronavirus. Agli agnelli non Igp, nati, allevati e macellati in Italia, sempre per lo stesso periodo, andranno invece 6 euro a capo.

Agnello, gli incentivi per 2020 e 2021

Dei 29,5 milioni totali per tutta Italia del Decreto, 7,5 andranno settore ovino, suddivisi nell’annualità 2020 – 2021: 3,5 nel 2020, 4 nel 2020. Che si vanno a sommare ai 2 milioni di euro del fondo indigenti, destinati per omogeneizzati di agnelli.

 

 

Dei 3,5 milioni del 2020, alla Sardegna andranno 1.600.000 destinati a 177.778 agnelli marchiati Igp macellati tra marzo e aprile 2019.

Complessivamente con l’accoppiato a luglio gli allevatori che certificano i propri agnelli Igp di Sardegna riceveranno 5,6 milioni di euro. Agli agnelli sardi non Igp, invece andranno quest’anno circa 468mila euro destinati a 77.991 agnelli macellati tra il primo marzo e il 30 aprile 2019.

Contas soddisfatto delle misure

«E’ un intervento che abbiamo fortemente voluto come Consorzio – commenta il presidente del Contas Battista Cualbu – un intervento importante in un momento difficile per l’allevamento in cui si stanno registrando molte perdite, come del resto per tuti gli altri settori. Ci auguriamo adesso che questa misura sia estesa anche al settore caprino».

«La premialità  è riservata agli agnelli macellati tra marzo e aprile del 2019 ed è biennale - spiega il direttore del Contas Alessandro Mazzette – e si sommerà al premio accoppiato. Inoltre è esteso, nella misura di 6 euro a capo, anche agli agnelli non Igp, dove la condizione è che siano nati, allevati e macellati in Italia, per evitare di destinare fondi anche a quelli importati dall’estero».

Coronavirus, ai pastori nove euro in più per ogni agnello Igp macellato - Ultima modifica: 2020-04-01T17:06:43+02:00 da Terra e Vita

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome