Insetti per la zootecnia, fonte proteica alternativa

insetti
Ciclo di Tenebrio molitor, la comune tarma della farina, già utilizzata in esperienze di alimentazione sia della trota iridea che delle specie avicole.
L’aumento globale della richiesta di proteine animali: un problema da affrontare. Ricerca, opportunità e criticità di una nuova tipologia di allevamento

Nel 2012 la produzione globale di cibo è stata stimata a 8,4 miliardi di tonnellate e le stime demografiche prevedono che la popolazione mondiale toccherà quota nove miliardi entro il 2050; ciò richiederà un aumento della produzione alimentare, stimato dalla Fao (Food and Agriculture Organization) intorno al 70%, e in particolare si prevede un incremento del consumo di carne, prodotti lattiero-caseari e uova.

Sempre secondo i dati della Fao, la richiesta di prodotti derivanti dall’allevamento di animali domestici duplicherà nel periodo 2000-2050, passando da 229 milioni a 465 milioni di tonnellate. Anche la richiesta di pesce, prodotto per il 50% dall’acquacultura è enormemente aumentata.

Questa crescita impressionante della domanda globale di cibo, e in particolare di proteine animali (da bestiame e prodotti ittici), metterà sicuramente in crisi le già precarie risorse del nostro pianeta e impone l’obiettivo di produrre con maggiore efficienza una quantità di proteine animali adeguata a sostenere una popolazione mondiale in crescita sana e con un impatto ambientale inferiore a quello dell’attuale.

L’International Feed Industry Federation (IFIF) indica gli animali da reddito quali polli, pesci, suini, e altri animali allevati, come la componente più importante per garantire la produzione di proteine d’origine animale di elevato valore biologico. Che va nutrita.

La produzione mondiale di mangimi composti è stimata pari a circa un miliardo di tonnellate all’anno e genera un fatturato decisamente degno di considerazione. La produzione o la vendita di alimenti zootecnici avviene in oltre 130 paesi e impiega direttamente più di 250mila persone (Ifif, 2014).

Inoltre l’industria mangimistica europea, con una produzione di circa 153 milioni di tonnellate l’anno, rappresenta circa il 15% del mercato globale dell’alimentazione animale.

La fornitura strategica di proteine anche in questo caso è cruciale e in parte dipende dalla soia, la cui produzione in Europa non è però sufficiente.

A oggi le farine di origine animale e di soia, rappresentano il 60-70 per cento dei costi di produzione. La farina di pesce sopravvive oggi solamente grazie a ritmi insostenibili di raccolta di pesci dell’oceano, soprattutto dal Sud America.

Poiché l’alimentazione animale incide per circa il 60% sui costi di produzione, la crescita della zootecnia dipenderà anche dalla disponibilità e dalla sostenibilità economico-ambientale delle materie prime. Allora perché non produrre più fonti proteiche alternative in Europa? Ad esempio gli insetti.....

 

Leggi l’articolo completo su Terra e Vita 38/2015 L’Edicola di Terra e Vita

Insetti per la zootecnia, fonte proteica alternativa - Ultima modifica: 2015-09-27T14:22:43+00:00 da Barbara Gamberini

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome