Le “ragioni” di Di Gioia: «Incompatibilità con Emiliano»

Leonardo di Gioia, ex-assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia e coordinatore della Commissione Agricoltura della Conferenza delle Regioni.
Incompatibilità di carattere e decisioni non condivise: Leonardo Di Gioia spiega in una conferenza stampa le ragioni delle sue dimissioni da assessore regionale

Le dimissioni bis non possono essere considerate un fulmine a ciel sereno.

Ma a poco meno di un anno dalle elezioni regionali della prossima primavera 2020 la mossa di Leonardo Di Gioia (leggi qui la notizia) è apparsa comunque intempestiva e ha dato adito a molte interpretazioni e ipotesi di retroscena. Supposizioni a cui l'ex-assessore all'Agricoltura ha voluto replicare questa mattina a Bari con una conferenza stampa fiume nel Palazzo del Consiglio regionale, evidenziando in passaggi tecnici: le criticità su Psr, l'organico dell’assessorato, il caso Xylella e i rapporti con le confederazioni agricole. 

Secondo quanto riporta la Gazzetta del Mezzogiorno Di Gioia ha innanzitutto chiamato in causa divergenze "caratteriali".

Strategie "cassate"

«Ci sono stati - spiega Di Gioia - elementi caratteriali incompatibili nell’espletare le nostre deleghe. Chi è delegato deve svolgere il suo compito in autonomia. In alcuni casi il presidente Emiliano è invece stato la Cassazione che modifica le strategie. Ci sono state decisioni che non ho condiviso e così si è arrivati al coronamento nefasto. Prendo atto che non si può lavorare così». 

Di Gioia ha anche sottolineato che per svolgere al meglio le sue funzioni era necessaria «la legittimazione politica», la «condivisione del presidente» e la «comprensione» del mondo agricolo «in un mondo che cambia».

Nella maggioranza di centro-sinistra,
con valori di centro-destra

Sul piano politico il consigliere regionale foggiano ha rinnovato la sua adesione al programma della maggioranza, ribadendo che i suoi valori «sono di centrodestra». «Lo sapeva Vendola e lo sa Emiliano. La nostra - ha sottolineato - non è una coalizione ideologica, ma fondata su un programma scritto con le sagre. Emiliano non ci ha chiesto da dove venivamo, ma dove volevamo andare. Quindi, rimango in Consiglio per votare il programma del civismo con il centrosinistra. Non farò mancare i numeri. Altri con il voto segreto hanno "votato contro" facendo la morale a me».

L'amicizia con Centinaio

Nella conclusione ha spiegato anche il rapporto con la Lega: «Con il ministro Centinaio è nata un’amicizia. Alle Europee ho indicato ai miei elettori il candidato leghista Massimo Casanova, poi eletto, che può dare risposte al territorio. Non ho aderito al Carroccio, ma ritengo che rappresenti questioni congrue come l’Europa attenta a pesca e agricoltura, con pratiche meno invasive. Passaggi nella Lega? Non sono all’ordine del giorno, la Lega rispetta l’autonomia organizzativa dei territori».

Leggi qui l'articolo originale

Le “ragioni” di Di Gioia: «Incompatibilità con Emiliano» - Ultima modifica: 2019-07-04T17:18:00+00:00 da Lorenzo Tosi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome