Rive, al lavoro il comitato scientifico

rive enotrend
L'obiettivo di Rive è trasferire i progressi dell'innovazione tecnologica

È tornato al lavoro il comitato scientifico che affianca la seconda edizione di Rive la manifestazione a cadenza biennale dedicata alla viticoltura e all’enologia che si terrà dal 27 al 29 novembre 2018 alla Fiera di Pordenone.

A formare il Comitato scientifico un team composto da dodici esperti del settore vitivinicolo. Accanto alle molte conferme, sono quattro i nomi nuovi: Fulvio Mattivi, docente di Viticoltura ed Enologia presso l’Università di Trento, Giovanni Battista Tornielli, docente di arbicoltura generale e coltivazioni arboree presso l’Università di Verona, Riccardo Velasco, direttore di Crea viticoltura ed enologia Conegliano Veneto, Rodolfo Rizzi, presidente di Assoenologi Friuli-Venezia Giulia e consigliere nazionale di Assoenologi e Stefano Cesco dell’Università di Bolzano.

Rimane alla guida del Comitato scientifico Attilio Scienza, docente di Biologia e genetica della vite presso l’Università di Milano e continuano a dare il proprio contributo Paolo Balsari, Vasco Boatto, Osvaldo Failla, Michele Morgante, Marco Stefanini e Raffaele Testolin.

riveL’edizione di Rive 2018 si concentrerà su quattro tematiche di respiro nazionale e internazionale per trasferire in tempo reale agli operatori del settore vitivinicolo ed enologico i progressi dell’innovazione scientifica.

Sarà perciò approfondito il tema della sostenibilità attraverso il percorso della tracciabilità e dell’etichettatura e il sistema delle autorizzazioni tra l’innovazione e l’invecchiamento dei vigneti. Spazio sarà dato al tema delle nuove varietà e alle questioni genetiche: quale ideotipo deve creare il genetista per soddisfare l’enologo che deve combinare varietà e territorio? E ancora al trend dello spumante tra le varietà autoctone ed internazionali ed un confronto tra Nord e Sud.

Per informazioni:

RIVE

blog.enotrend.it

Rive, al lavoro il comitato scientifico - Ultima modifica: 2018-04-23T07:00:12+00:00 da Terra e Vita

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome