Grano duro e tenero, la domanda c’è ma è “selettiva”

Bologna quota tutta la gamma del tenero con buoni riscontri sulla varietà Bologna, Milano solo i misti. Qualità sanitaria sotto verifica dopo la difficile annata climatica. L'analisi di Stefano Serra sul mercato dei cereali dopo la tornata di borsa dell'11 luglio. Si consolida l'orzo, sostanzialmente stabili soia e mais

dati delle tendenze del mercato dei cereali 11 luglio 2019dati delle tendenze del mercato del grano tenero 11 luglio 2019

Grano teneroTerra e Vita

L’andamento climatico sfavorevole mantiene dubbi sulla qualità del raccolto 2019, da

stefano serra commenta campagna cereali 2019
Stefano Serra, Esperto del mercato internazionale dei cereali e amministratore Info Granarie e Servizi

verificare analiticamente lotto per lotto. La trebbiatura in progresso consente di confermare le anticipazioni di un mercato in continuità tra le due campagna a livello di prezzi. Domanda ben presente ma selettiva e offerta locale cauta nel garantire caratteristiche. Sulle borsa di Bologna si riparte a quotare tutte le classi con il “tipo Bologna” che vale un 215-225 €/t reso destino, con i “bianchi” attorno ai 197-205 €/t ed i “misti” sui 190-195 €/t. Sulla piazza di Milano si quotano solo i “misti” a 188 €/t arrivo, con i Comunitari in forte regresso: meno 15 €/te. “Spring” stabili.

 

dati delle tendenze del mercato del grano duro 11 luglio 2019

Grano duroterra e vita

Si comincia a dipanare il dubbio sulle caratteristiche merceologiche e sanitarie al Centro/Nord, con risultati a volte preoccupanti anche se a macchia di leopardo. I molini sono all’acquisto per completare le coperture sul luglio-dicembre (e oltre) con interesse sia per merce locale che d’importazione (stante un raccolto Italia sui 4 mio/t a fronte di consumi prossimi ai 6 mio/t). Quotazioni più tenute al Sud ove il “Fino” vale sui 245-250 €/t con i Mercantili a sconto di 5 e 10 €/t; su Bologna il “Fino Nord” vale un 230-235 €/t (come il Centro) con i Mercantili a sconto di 10 e 25 €/t. Comunitari sempre ben tenuti ed esteri Nordamericani stabili.

 

dati delle tendenze del mercato del mais 11 luglio 2019

Maisterra e vita

Ulteriore settimana senza variazione nei fondamentali, con le piazze del Nord a confermare (Ager Bologna) tendenza e quotazioni della scorsa settimana, con qualche segnale di debolezza (Granaria di Milano). Progressi colturali nella media, salvo danni da grandine in alcune aree, e influenza sui prezzi dalle alternative Comunitarie ed Ucraine. Sulle borse di merci di Bologna e Milano il nazionale “generico” quota arrivo un 183-185 €/t con premio per il “con caratteristiche” stabile a 3 €/t; comunitario “con caratteristiche” senza variazioni tra 186 e 190 €/t (-1) e Ucraino a 187-192 €/t.

 

dati delle tendenze del mercato dei cereali foraggeri e oleaginose 11 luglio 2019

Cereali foraggieri e oleaginoseterra e vita

Cereali foraggieri: si consolidano gli orzi che risentono della debolezza dei rimpiazzi Comunitari; sull’Ager e sulla Granaria le quotazioni dai 156 ai 175 €/t. Il tenero “any origin” su Bologna allarga la forbice a 183-194 €/t con Milano che quota valori sotto i 180 €/t. Oleaginose: soia che continua a vivere dei “rumors” internazionali ma che resta sostanzialmente stabile; la nazionale quota arrivo sui 338-340 €/t e l’estera a premio di 5-6 €/t (+3) per effetto valutario.

Grano duro e tenero, la domanda c’è ma è “selettiva” - Ultima modifica: 2019-07-15T09:02:21+00:00 da Terra e Vita

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome