Bollettino della disponibilità idrica del 28 luglio 2022

siccità
Bilancio idroclimatico tra i peggiori degli ultimi 60 anni. L'acqua disponibile nei terreni è ormai esaurita. Situazione decisamente critica per le colture in campo

In collaborazione con

Permane lo stato di grave siccità su tutto il distretto. Il bilancio idroclimatico, calcolato da inizio ottobre, è ovunque sensibilmente inferiore alle medie, tra i più bassi degli ultimi 60 anni, e l’acqua disponibile nei terreni è ormai esaurita. Situazione è decisamente critica per le colture in campo, aggravata non solo dalla mancanza di precipitazioni ma anche dalle alte temperature registrate finora nelle prime due decadi di luglio, molto superiori alla norma. Anche l’habitat subisce un forte stress e la risalita del cuneo salino è circa di 35-40 km.

Portate

Al momento si osservano portate ovunque stabili grazie agli apporti temporaleschi dei giorni scorsi. Le portate medie mensili per i principali corsi d’acqua risultano inferiori alle medie storiche del periodo di riferimento in tutto il territorio con valori confrontabili ai minimi storici del periodo. Anche le portate del fiume Po risultano decisamente inferiori alle medie storiche del lungo periodo e confrontabili con i minimi storici

Sezione

Portate Attuali

[m³/s]

Media mensile

[m³/s]

Minimo mensile

[m³/s]

Piacenza

172

610

209

Cremona

205

560

269

Boretto (RE)

151

705

253

Borgoforte (MN)

185

718

275

Pontelagoscuro (FE)

123 776

237

 

Precipitazioni e temperature

L’estate meteorologica attuale si configura come una delle più calde di sempre. Le temperature massime da giugno 2022 alla seconda decade di luglio sono simili a quelle registrate nella storica annata del 2003, con quantitativi di pioggia inferiori alle annate più siccitose (2012 e 2017). La scarsità di piogge si riflette anche sulla dotazione idrica della falda che vede ora profondità molto elevate.

Laghi

I temporali estivi sull’arco alpino permettono di mantenere stabili i grandi laghi, sebbene la situazione rimanga grave. Como e Iseo sono ai limiti di regolazione, Idro risale verso la quota di minimo invaso. Il Maggiore ha un riempimento al 14% e il Garda al 30%.

Cuneo salino

La stima di risalita del cuneo salino nei rami del Delta rimane invariata, con i rami del Po di Tolle, Maistra e Gnocca totalmente interessati dall’intrusione. Per il Po di Goro e per il Po di Pila la lunghezza di intrusione in condizioni di alta marea è rispettivamente pari a circa 39 km e 36 km dalla costa.

Ulteriori dati ai seguenti link

Monitoraggio risorse Canale Emiliano-Romagnolo

Bollettino Aipo fondali e idrometri del Po

 

Bollettino della disponibilità idrica del 28 luglio 2022 - Ultima modifica: 2022-07-28T17:29:54+02:00 da Terra e Vita

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome