Psr Puglia, Commissione Ue valuta se concedere deroga al disimpegno automatico

Psr Puglia
Il commissario europeo all'Agricoltura, Janusz Wojciechowski ha risposto alla lettera degli europarlamentari Paolo De Castro e Raffaele Fitto: Bruxelles sta valutando se si può evitare la perdita delle risorse non spese, anche di una parte

«I miei uffici stanno verificando se le condizioni stabilite dalla normativa per la concessione di tale eccezione sono soddisfatte e quale importo oggetto del disimpegno automatico possa essere esentato». Lo scrive il commissario europeo all'Agricoltura, Janusz Wojciechowski, rispondendo alla lettera inviata dagli europarlamentari Paolo De Castro e Raffaele Fitto con la quale è stata chiesta una deroga al fine evitare il disimpegno automatico di quasi 95 milioni di euro del Psr Puglia.

La risposta alla lettera di De Castro e Fitto

janusz w
Janusz Wojciechowski

Nella sua risposta Woiciechowski ricorda che De Castro e Fitto nella loro lettera affermano che «circostanze particolari hanno impedito al Programma di sviluppo rurale (Psr) Puglia 2014-2020 di raggiungere il cosiddetto obiettivo di spesa "n+3" alla fine del 2020. Mi chiedete un particolare impegno per garantire che i miei servizi concedano un'eccezione alla regola del disimpegno automatico.

 

 

«A gennaio - continua il commissario polacco - le autorità italiane responsabili del Psr Puglia 2014-2020 hanno presentato una dichiarazione di spesa per i pagamenti effettuati ai beneficiari nell'ultimo trimestre del 2020 che indica un livello di spesa da imputare al bilancio dell'Ue inferiore all'importo necessario per evitare il disimpegno automatico ai sensi della suddetta regola.

«Alla fine di gennaio le autorità italiane hanno presentato una richiesta basata sull'art. 38, paragrafi 3 e 4, del Regolamento (Ue) 1306/2013, relativa a un'eccezione all'applicazione della regola del disimpegno automatico, motivata da procedimenti giudiziari aventi effetti sospensivi e dall'impossibilità di erogare i pagamenti per causa di forza maggiore con serie ripercussioni sulla realizzazione del Psr (pandemia da Covid-19). Le autorità italiane hanno fornito motivazioni e chiesto alla Commissione di considerare la possibilità di non applicare il disimpegno automatico per il programma in questione alla fine del 2020.

«I miei servizi stanno ora verificando se le condizioni stabilite dalla normativa per la concessione di tale eccezione sono soddisfatte e quale importo oggetto del disimpegno automatico possa essere esentato a causa di procedimenti giudiziari aventi effetto sospensivo e/o giustificati dall'impossibilità di erogare i pagamenti per causa di forza maggiore relativa alla pandemia di Covid-19, e informeranno le autorità italiane di conseguenza».

Difficoltà strutturale per la Regione Puglia

La Regione Puglia ha, quindi, presentato la richiesta per evitare di dover restituire i 95 milioni non spesi entro il 31 dicembre 2020, ora gli Uffici europei stanno esaminando la documentazione. Però Wojciechowski stigmatizza come già all'inizio del 2020 la Regione Puglia abbia fatto analoga richiesta. «Anche lo scorso anno – evidenzia il commissario – le autorità italiane si sono trovate in situazione analoga e hanno presentato una richiesta simile per il programma Puglia sulla base dell'art. 38, paragrafo 3 (procedimenti giudiziari). Comprendiamo le circostanze particolari connesse alle restrizioni dovute alla Covid-19 nel 2020. Tuttavia ravvisiamo una questione più strutturale relativa alla realizzazione del programma in questa regione, che richiede sforzi da parte dell'autorità per evitare che questa situazione si ripeta nei prossimi anni».

«Continueremo ad impegnarci insieme a tutti gli altri colleghi pugliesi – così De Castro e Fitto hanno accolto la lettera del commissario Ue – perché ci sia una conclusione positiva della vicenda nell'interesse del mondo agricolo e dell'intero territorio rurale pugliese».

Psr Puglia, Commissione Ue valuta se concedere deroga al disimpegno automatico - Ultima modifica: 2021-02-15T14:35:47+01:00 da Terra e Vita

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome