Grano tenero e duro guardano ai nuovi raccolti. Leggera ripresa per il mais

tendenze di mercato dei cereali del 11 giugno
Il mercato dei frumenti comincia a risentire della riapertura del canale Horeca ma è proiettato soprattutto sull'imminente raccolto 2020. Rimbalzo tecnico per il mais, restano le difficoltà per i cereali foraggeri

tendenze di mercato del grano tenero del 11 giugno

Grano tenero, si guarda alla nuova campagna

Italiaterra e vita

Si inizia a respirare aria di salto di campagna con le incognite della ripresa post Covid-19 e del maltempo al Nord. L’attività molitoria riprende e questo dà respiro al mercato, dove si evidenzia ancora prodotto da collocare prima dell’imminente inizio della raccolta. Scambi senza picchi, stante il trascinamento delle quote di marzo-aprile, ma torna la domanda per i grani per le farine “Horeca”. Nuovo raccolto al momento in buone condizioni per una produzione attesa sui 2,8 mio/t (-5% sul 2019). Sull’Ager tutto “NQ”, su Milano il “tipo Bologna” vale un 220 €/t, con i panificabili superiori a 216 €/t e i “misti” sui 203 €/t; Comunitari e “spring” cedono 1-2 €/t.

 

tendenze di mercato del grano duro del 11 giugno

Grano duro, incertezza sul raccolto 2020

Italiaterra e vita

Iniziati i primi tagli al Sud e in Sicilia con rese e qualità variabili tra zone contigue; resta incertezza sulla reale dimensione del raccolto (sui 3,9 mio/t) e sulla qualità che al Nord evidenzia attacchi fungini. Attività di scambio presente per la volontà degli utilizzatori di mantenere un certo livello di copertura nell’attesa che si chiarisca gli scenari di mercato 2020/21. L’offerta ha ancora volumi di vecchio raccolto ma rallenta; arrivi sui porti (già metabolizzati dal mercato) a garantire adeguata fornitura in volume e “specifiche”. Assenza di quotazioni al Sud, con le borse del Centro-Nord prudenzialmente invariate; il “Fino” vale tra i 290 €/t di Bologna e i 300 €/t di Milano; timida l’offerta di Comunitari e esteri a prezzi invariati.

 

tendenze di mercato del mais del 11 giugno

Mais, leggero rimbalzo tecnico

Italiaterra e vita

Lievi segnali “tecnici” di ripresa sia per la perdurante incertezza climatica che per il calo di disponibilità sul pronto; l’evoluzione della domanda dal settore zootecnico ed energetico e la concorrenza estera sono ulteriori aspetti da chiarire. Nuovo raccolto che migliora come condizione agronomica con le piogge e stima produttiva 2020 sui 5,8 mio/t. Prezzi in nominale ripresa di 1 €/t, con il mais “con caratteristiche” a 183-186 €/t e il “generico” sui 180 €/t; origini Comunitarie ed estere allineate in valore e tendenza.

 

tendenze di mercato dei cereali foraggeri e oleaginose del 11 giugno

Cereali foraggeri e oleaginose, mercato sempre attendista

Italiaterra e vita

Cereali foraggeri: mercato attendista per l’arrivo degli orzi e per gli “eco” sul grano EU; consumi in cauta ripresa ma livello di scambi limitato in presenza di adeguata offerta. Il grano cede 2 €/t su Milano ove quota 194 €/t (MI) con Ager oltre i 200 €/t; l’orzo pesante nominale sui 170 €/t e il sorgo a 186 €/t. Oleaginose: il clima sostiene la soia nazionale che sale di 10-13 €/t a ridosso dei 400 €/t arrivo; l’euro forte deprime l’estera a poco più di 350 €/t (-5) reso Nord.

Grano tenero e duro guardano ai nuovi raccolti. Leggera ripresa per il mais - Ultima modifica: 2020-06-12T15:54:16+02:00 da Terra e Vita

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome