Zucchine in orbita: +40% in sette giorni. Giù radicchio, carciofi e cavoli broccoli

Clementine in risalita. Gennaio complicato per i carciofi, scendono anche arance, cime di rapa e kiwi. Stabili mele e pere

Arance in lieve calozucchine

In leggero calo le quotazioni per le arance Tarocco che però restano superiori rispetto l’anno precedente. È aumentata la domanda ma vi è ampia disponibilità di prodotto. Procede regolare su alti livelli la campagna siciliana. Da segnalare anche le ultime battute per le arance bionde della cultivar Navelina con prezzi in calo, complice la domanda che si sta spostando sul prodotto rosso.

Carciofi, si conferma la "crisi" di gennaio

Come accade tipicamente a gennaio, il prezzo dei carciofi è sceso su livelli bassi nonostante la minore disponibilità causata delle gelate. Sono presenti tutte le varietà, dal violetto, al tema al romanesco, quest’ultimo in arrivo nelle ultime giornate proveniente principalmente dalla Sardegna.

Cavoli broccoli, valori in picchiatazucchine

Domanda stagnante per i cavoli broccoli a fronte di una buona disponibilità di prodotto. I prezzi stanno scendono su livelli bassi.

Cicoria, ritorno su quotazioni normalizucchine

Tornano su livelli normali le quotazioni delle cicorie. Si rileva un trend leggermente superiore per le puntarelle, che registrano una diminuzione delle quotazioni sulla piazza di Torino.

Cime di rapa, domanda sottotono

Anche per le cime di rapa si registra un calo delle quotazioni, con una domanda che si mantiene sottotono a gennaio, nonostante la buona qualità del prodotto per effetto delle temperature rigide.

Clementine in risalitaTerra e Vita

In risalita le quotazioni delle clementine, complice un aumento della domanda, tipico del mese di gennaio. Su base tendenziale, i prezzi sono leggermente inferiori rispetto un anno fa. In particolare, hanno inciso l’elevata disponibilità di prodotto e la qualità non ottimale dovuta alle temperature sopra la media durante la maturazione del frutto.

Kiwi in leggera flessione

Timido calo per i kiwi nazionali non a marchio Zespri con una domanda non su alti livelli. Neanche la disponibilità è tuttavia particolarmente ampia. È presente anche prodotto greco, meno richiesto, che evidenzia un calo rispetto la settimana precedente pur mantenendosi su livelli superiori rispetto l’annata scorsa.

Mele stabiliterra e vita

Prezzi perlopiù stabili per le mele italiane. Su base annua le quotazioni risultano superiori rispetto dodici mesi fa nella maggior parte dei mercati, complice i problemi alle colture causati da eventi climatici avversi.

Pere invariateterra e vita

Non si registrano particolari variazioni per le pere che continuano a viaggiare su un trend altissimo a causa della bassa disponibilità di prodotto. I prezzi hanno raggiunto livelli anche superiori al 70% rispetto l’anno precedente per alcune varietà, fra tutte l’abate fetel.

Radicchio, male il tardivo del Veneto

Calano le quotazioni del radicchio, caratterizzato da una domanda su bassi livelli. Scendono i prezzi per la varietà tardivo del Veneto mentre mostrano una maggiore stabilità il tondo rosso e lungo precoce. Sta per terminare la produzione del semi lungo con quotazioni nella media.

Zucchine, salto in alto recordTerra e Vita

Quotazioni in aumento per le zucchine, andamento su cui ha inciso la minore disponibilità di prodotto e l’aumento del costo di gestione per quelle in serra determinato dalle temperature rigide invernali. La domanda risulta regolare su buoni livelli. Da segnalare come l’aumento dei prezzi del prodotto nazionale stia trainando anche le quotazioni di quello importato dal Marocco.

I prezzi all'ingrosso dei prodotti ortofrutticoli del 17 gennaio 2022

Zucchine in orbita: +40% in sette giorni. Giù radicchio, carciofi e cavoli broccoli - Ultima modifica: 2022-01-18T14:29:00+01:00 da Terra e Vita