Centinaio sblocca la partita delle assicurazioni agevolate

Gian Marco Centinaio
49 milioni subito, altri 240 entro dicembre. Si dovrebbe così scongiurare il rischio di disimpegno per il Piano di Sviluppo rurale nazionale. Giansanti (Confagricoltura): «Il lavoro fatto nella semplificazione delle procedure riduce gli oneri per le aziende ed è volano per accrescere l’utilizzo dei fondi Ue»

Il Ministro Gian Marco Centinaio disincaglia dagli scogli dei ritardi burocratici il bastimento delle assicurazioni agevolate. Si tratta della partita più grossa da affrontare per il novello Piano di sviluppo rurale nazionale, attivato per la prima volta, parallelamente agli altri 21 Psr regionali, proprio per fare approdare in porto la novità delle polizze agevolate. L’esordio macchiato dal disimpegno dei fondi (da spendere entro il 31 dicembre di quest’anno) sarebbe stata un’onta inacettabile per il dicastero di via XX settembre. Per fortuna ora questo rischio pare allontanarsi definitivamente.

49 milioni subito

La posta in palio non è da poco. Il Ministero per le poltiche agricole, agroalimentari e del turismo ha infatti annunciato di aver autorizzato 49 milioni di euro di pagamenti in favore degli agricoltori che hanno sottoscritto polizze assicurative agevolate.

Altri 240 entro dicembre

La cifra si somma ai contributi già erogati, per una spesa complessiva sostenuta pari a 264 milioni di euro. Per quanto riguarda gli ulteriori sviluppi del programma dei pagamenti, si prevede l'erogazione di 92 milioni di euro entro settembre, 69 milioni entro ottobre, 50 milioni entro novembre e 33 milioni entro dicembre.

«La questione dei ritardi dei pagamenti sulle assicurazioni - dichiara il Ministro Gian Marco Centinaio - è stata una delle più delicate che ho trovato sul mio tavolo dal mio insediamento. Sono quindi soddisfatto che le semplificazioni decise in questi ultimi giorni da una task force coordinata dal mio Gabinetto stia producendo risultati concreti».

Le difficoltà dei Condifesa

I ritardi accumulati stavano infatti mettendo in difficoltà l'intero sistema degli organismi collettivi di difesa, che in questi anni ha anticipato la spesa per conto degli agricoltori, evitando riflessi negativi sulle aziende.

La strada della semplificazione

«Per agevolare il tutto –comunica il ministero-, sono state introdotte diverse semplificazioni. Tra queste la semplificazione delle procedure di controllo delle rese, la possibilità di effettuare pagamenti parziali sulle domande oggetto di riesame, la possibilità di effettuare le istruttorie delle domande, l'ammissione a sostegno e la contestuale presentazione della domanda di pagamento. Ulteriori semplificazioni saranno adottate per il 2019».

La soddisfazione di Confagricoltura

«Finalmente si è avviata l’azione di semplificazione che Confagricoltura ha, da sempre, invocato tra le priorità». Commenta così il presidente di Confagricoltura, Massimiliano Giansanti, la ripresa della erogazioni dei sostegni  previsti dal Programma di sviluppo rurale nazionale (PSRN 2014-2020), in favore delle aziende che hanno fatto ricorso all’assicurazione agevolata a copertura dei rischi.

Massimiliano Giansanti
Massimiliano Giansanti

«Si è dimostrato –aggiunge Giansanti – che lo snellimento delle procedure burocratiche è possibile e produce effetti positivi; riduce gli oneri a carico delle aziende agricole e permette ad esse di superare i cronici ritardi nei pagamenti che ne compromettono la competitività. Tutto ciò si traduce in un incisivo volano per accrescere l’utilizzo dei fondi europei».

Tempi di pagamento sicuri

«Il processo di semplificazione – aggiunge il Presidente - dell’impianto della gestione dei rischi nel nostro Paese va ulteriormente accelerato,  con rapidità, per dare certezze sui tempi di pagamento alle aziende che ricorrono a tale misura di sostegno. Ci aspettiamo un ulteriore avanzamento nella direzione proposta da Confagricoltura per il 2019».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome