Botrite della vite, così il modello consiglia la strategia giusta

Iscriviti al nostro sito per ricevere queste ed altre informazioni esclusive

botrite
Uno, due, tre, fino a quattro interventi. Contro la muffa grigia serve flessibilità. E passare da trattamenti fissi a linee ragionate e supportate da DSS come vite.net

La muffa grigia, causata da Botrytis cinerea, è una delle malattie chiave della vite e richiede un’attenta gestione, basata sulla combinazione di misure agronomiche e di trattamenti con prodotti fitosanitari nel corso della stagione. Nonostante i numerosi studi sulle misure di controllo da adottare in vigneto, permangono oggettive difficoltà legate alle peculiarità del patogeno.

Leggi qui l'articolo sull'utilizzo degli agenti di biocontrollo contro la botrite della vite

Questo fungo, infatti, ha:

  1. la capacità di svilupparsi come saprofita, necrofita e parassita;
  2. produce un enorme numero di conidi, su varie fonti d’inoculo;
  3. è caratterizzato da svariati pathway d’infezione;
  4. ha la capacità di svilupparsi in un ampio intervallo di condizioni ambientali, peraltro diverse per i diversi pathway d’infezione;
  5. inoltre la vite è diversamente suscettibile nei diversi stadi fenologici.

Nonostante la complessità epidemiologica del patogeno, le attuali strategie di difesa sono basate su trattamenti a calendario, eseguiti in corrispondenza di quattro specifici stadi fenologici della vite:

  • A, fine della fioritura (BBCH69),
  • B, pre-chiusura grappolo (BBCH77),
  • C, invaiatura (BBCH83)
  • e D, pre-raccolta (BBCH<89).

Questa strategia presenta alcuni limiti:

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli utenti iscritti al sito.
Se sei iscritto, fai per visualizzare il contenuto, altrimenti iscriviti.
Botrite della vite, così il modello consiglia la strategia giusta
- Ultima modifica: 2019-06-27T16:55:52+00:00
da K4
Botrite della vite, così il modello consiglia la strategia giusta - Ultima modifica: 2019-06-27T16:55:52+00:00 da K4

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome