Mille miliardi per azzerare le emissioni di gas serra in Europa

Ursula Von Der Leyen E Greta Thunberg
La Commissione presenta la prima legge europea per il clima. Prevede di raggiungere la neutralità climatica entro il 2050. Un obiettivo che secondo Greta Thunberg è troppo posticipato nel tempo e senza chiari target parziali

Azzerare le emissioni di gas ad effetto serra in 30 anni. È l’obiettivo che la Commissione europea si pone con la proposta della “Prima legge europea sul clima” (First European climate law) che, terminato il percorso normativo all’interno dell’organo esecutivo europeo, ora deve affrontare l’esame dell’Europarlamento e del Consiglio d’Europa.

 

 

«Dimostrazione di impegno e trasparenza»

«Stiamo lavorando – afferma Ursula von der Leyen , presidente della Commissione - per rendere l'UE il primo continente climaticamente neutro al mondo entro il 2050. La legge sul clima è la dimostrazione del nostro impegno politico e ci pone irreversibilmente sulla strada verso un futuro più sostenibile».

 

 

«Sarà questo il cuore del Green Deal europeo – continua von der Leyen -. Una norma che fissa paletti obiettivi in modo trasparente e condiviso. E orienta la nostra strategia di crescita verde garantendo che la transizione sarà graduale ed equa».

Greta Thunberg: «La casa brucia ora, non tra trent’anni»

Ben diverse le considerazioni espresse dal mondo ambientalista, rappresentate ancora una volta da Greta Thunberg, l’inventrice del grande movimento studentesco mondiale Friday for the future.

«Quando la tua casa brucia, non aspetti 30 anni per spegnere le fiamme. Eppure, è proprio ciò che la Commissione sta proponendo oggi». Una posizione molto dura espressa di fronte alla Commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare del Parlamento europeo a Strasburgo. «Non abbiamo solo bisogno di obiettivi per il 2030 o il 2050. Abbiamo bisogno prima di tutto di obiettivi per il 2020 e per ogni anno a venire. Abbiamo bisogno di tagliare drasticamente le emissioni, alla fonte. Ora!”.

Progressi analizzati ogni 5 anni

Secondo lo studio che ha accompagnato la proposta di legge della Commissione, l'atmosfera si sta riscaldando, con gravi conseguenze già ora per il nostro ambiente e le nostre società. Il gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici dell’Ue stima che per mantenere l'innalzamento della temperatura globale a 2 ° C rispetto ai tempi preindustriali e limitare gli impatti negativi dei cambiamenti climatici, il mondo deve ridurre rapidamente le proprie emissioni di gas serra che riscaldano il clima (GHG) a raggiungere emissioni nette zero di CO2.

Con la legge europea sul clima le istituzioni UE e gli Stati membri sono collettivamente tenuti ad adottare le misure necessarie per raggiungere l'obiettivo entro il 2050.

La legge sul clima include misure per tenere traccia dei progressi e adeguare le azioni di conseguenza, sulla base di sistemi esistenti come il processo di governance per i piani nazionali per l'energia e il clima degli Stati membri, relazioni periodiche dell'Agenzia europea dell'ambiente e le più recenti prove scientifiche sul clima il cambiamento e i suoi impatti. I progressi saranno rivisti ogni cinque anni, in linea con l'esercizio globale di inventario previsto dall'accordo di Parigi.

Aperta una consultazione pubblica

L’obiettivo della transizione verso un'Unione europea neutrale dal punto di vista climatico deve essere condiviso e per questo ogni settore della società e dell'economia deve avere un ruolo da svolgere .

La Commissione ha pertanto avviato una consultazione pubblica su un nuovo Patto europeo per il clima, un'ampia iniziativa per dare voce e ruolo ai cittadini e alle parti interessate nella progettazione di nuove azioni per il clima, nella condivisione di informazioni, nel lancio di attività di base e nella presentazione di soluzioni che altri possano seguire.

La consultazione pubblica sarà aperta per 12 settimane. Gli input verranno utilizzati per dare forma al patto sul clima, che sarà lanciato prima della conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici che si terrà a Glasgow nel novembre 2020.

Il ruolo dell’agricoltura

Il passaggio alla neutralità climatica, proposto dalla Commissione,  richiederà interventi in tutti i settori, dal cambiamento del modo in cui si produce energia e cibo al modo in cui si consumano beni e servizi, ai posti di lavoro svolto e al modo di viaggiare. Un'azione ambiziosa aiuterà sia a proteggere il pianeta sia a migliorare la qualità della vita, attraverso benefici come aria, acqua e suolo più puliti; cibo più sano; abitazioni più efficienti sotto il profilo energetico; migliori alternative di trasporto; e nuove opportunità per le imprese europee di assumere un ruolo guida nello sviluppo di prodotti e tecnologie pulite.

Investimenti da mille miliardi

Questa transizione richiederà investimenti significativi. A tal fine, nel gennaio 2020 la Commissione ha presentato un piano europeo per gli investimenti nel Green Deal per mobilitare almeno mille miliardi di € di investimenti sostenibili nel prossimo decennio, nonché un meccanismo di transizione equo per garantire che la transizione verso un'economia neutrale dal punto di vista climatico avviene in modo equo, con un sostegno mirato per le regioni più colpite.

Modernizzare e decarbonizzare l'economia dell'UE stimolerà significativi investimenti aggiuntivi. Oggi circa il 2% del PIL è investito nel nostro sistema energetico e nelle relative infrastrutture. Ciò dovrebbe aumentare al 2,8% al fine di ottenere un'economia a gas serra netta-zero. Ciò significa considerevoli investimenti aggiuntivi rispetto al basale, nell'intervallo di 175-290 miliardi di euro all'anno.

Mille miliardi per azzerare le emissioni di gas serra in Europa - Ultima modifica: 2020-03-06T22:48:14+01:00 da Lorenzo Tosi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome