Verso un anticipo del Recovery fund per l’agricoltura?

Paolo De Castro in una riunione del Parlamento europeo
Paolo De Castro spinge per l’anticipo dei 16,5 miliardi di euro stanziati per lo sviluppo rurale dal 2023 al 2021. «È necessario riaggiustare il tiro. La Francia è già d’accordo e mi auguro che nel prossima riunione del consiglio agricolo ci possa essere anche l’adesione dell’Italia»

Nel pacchetto finanziario del Recovery fund, proposto dalla Commissione europea, all'esame del prossimo vertice dei Capi di stato e di Governo del 17 e 18 luglio che deve approvarlo, 16,5 miliardi di euro sono per lo Sviluppo rurale.

 

 

Leggi anche:

Nel Recovery Fund la bella sorpresa di una Pac rafforzata

Next Generation EU, come verranno distribuite le risorse

Tale misura, insieme a tutte le altre che riguardano altri settori, devono essere tradotte in atti legislativi che la Commissione europea ha già predisposto in attesa del via libera dei capi di stato. Così come indicato dalla Commissione europea le risorse per l'agricoltura, legate ai piani strategici, entreranno in vigore con la nuova Pac, dunque non prima del 2023

Anticipo di due anni

Secondo Paolo De Castro, nominato dalla Commissione agricoltura del Parlamento europeo relatore dell'atto legislativo che riguarda l'agricoltura, è necessario "riaggiustare il tiro", spostando la disponibilità delle risorse finanziarie già al 2021». L’intervento è stato raccolto oggi dall’agenzia Agrapress.

«Da questo punto di vista si registra - sottolinea De Castro - una presa di posizione del nuovo ministro dell'agricoltura francese Julien Denormandie al quale, nel prossimo Consiglio dei ministri dell'agricoltura, De Castro si augura si possa associare anche la ministra dell'agricoltura italiana Teresa Bellanova.

Rinforzare la Pac attuale

«In sostanza - spiega -, bisogna non solo confermare i 16,5 miliardi ma utilizzarli già con la Pac attuale. Se fosse necessario anche introducendo, sottolinea l'Europarlamentare , qualche impegno ambientale in più per facilitare la decisione». «Dal punto di vista giuridico - conclude De Castro -, si tratterebbe di un atto non diverso dal vecchio regolamento omnibus approvato nel 2017».

Verso un anticipo del Recovery fund per l’agricoltura? - Ultima modifica: 2020-07-15T01:19:11+02:00 da Lorenzo Tosi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome