Cereali, gli arrivi dall’estero fermano la crescita dei listini

dati delle tendenze del mercato dei cereali del 12 dicembre 2019
L'analisi di Stefano Serra del mercato nazionale dei cereali. Le quotazioni del 12 dicembre evidenziano un momento di staticità di scambi e tendenza sulle piazze

dati delle tendenze del mercato del grano tenero del 12 dicembre 2019

Grano teneroterra e vita

Torna la staticità di scambi e tendenza sulle piazze. I molini guardano al 2020 e gli scambi languono anche per l’avvicinarsi delle festività. Nessuna notizia di rilievo da domanda e offerta presenti ma non influenti, con i rimpiazzi comunitari ed esteri a consolidare i prezzi. Disponibilità adeguata di prodotto nazionale per le classi 1 e 2 con crescente dipendenza dall’import per le classi minori. Bologna e Milano fanno registrare tutti “invariati” con il “tipo Bologna” valutato sui 226 €/t arrivo; panificabili superiori attorno ai 212-214 €/t, e i “misti” prossimi ai 205 €/t. Comunitari e Mar Nero senza variazioni di rilievo e “spring” Usa/Can a 278-280 €/t reso Bologna.

 

dati delle tendenze del mercato del grano duro del 12 dicembre 2019

Grano duroterra e vita

Sulle mercuriali le quotazioni si mantengono in regime di scambi finalizzati al completamento dei fabbisogni sul prontissimo, con attesa per i progressi di semina (in corso al Sud) e una maggiore chiarezza sul deficit, in volume e qualità, nel secondo semestre di campagna. Molini attendisti e offerta presente, ma di transazioni poco o nulla, con arrivi di comunitario ed estero a mantenere ampia disponibilità di origini. Da Milano a Foggia le quotazioni non mutano con il “Fino Nord” (volpato) arrivo Bologna a 270 €/t, il “Fino Centro” sui 280 €/t; il “Fino Sud” su Foggia offerto a 285-290 €/t arrivo. Mercantili nostrani sempre meno disponibili con sconto sul Fino di un 10-20 €/t.

 

dati delle tendenze del mercato del mais 2019

Maisterra e vita

L’andamento resta indipendente da quanto si registra in Europa, con trend depressivo per quasi assenza di domanda e pochi scambi, in numero e volume trattati. Il settore zootecnico ha adeguate coperture e guarda al gennaio-luglio per completare il poco che resta ancora da acquisire; offerta locale limitata e attendista. Rimpiazzi comunitari più tenuti ma ininfluenti sui prezzi che per il mais “con caratteristiche” restano tra 176 e 178 €/t reso Nord, con il “generico” a sconto di 3-4 €/t; Comunitari in lieve ripresa (+1 €/t) e origine Ucraina a 178-179 €/t arrivo.

 

dati delle tendenze del mercato dei cereali foraggeri e oleaginose del 12 dicembre 2019

Cereali foraggieri e oleaginoseterra e vita

Cereali foraggieri: in un contesto di stabilità orizzontale tra i cereali, non si registrano variazioni. Il Sorgo vale reso Bologna un 184 €/t, con i teneri su Milano e Bologna confermati tra 190 e 200 €/t e gli orzi pesanti tra 174 e 178 €/t. Oleaginose: dalla depressione al relativo ottimismo internazionale (accordo USA-Cina?) a ridare tono alla soia nazionale che, in linea con l’estera, recupera 2 €/t su Bologna e 4 €/t su Milano per un prezzo arrivo oltre i 350 €/t. Estera oltre i 360 €/t.

 

Cereali, gli arrivi dall’estero fermano la crescita dei listini - Ultima modifica: 2019-12-13T09:59:44+01:00 da Terra e Vita

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome