Cereali, frumento tenero e duro pressoché inchiodati

tendenze del mercato dei cereali del 24 gennaio 2019
L'analisi di Stefano Serra delle tendenze del mercato dei cereali del 24 gennaio 2019.

tendenze del mercato dei cereali del 24 gennaio 2019Grano teneroterra e vita

Quotazioni pressoché invariate nei valori ufficiali delle borse merci. Lo scenario si consolida per i teneri nazionali con Bologna e Milano abbastanza allineate anche se riflettono le quotazioni dei “rimpiazzi” Comunitari (anche se di differenti origini EU). Gli utilizzatori restano ben coperti e senza apprensione stante un livello di “spread” tra merce locale, comunitaria ed estera nella media. I grani di forza valgono attorno ai 235-240 €/t (inv) reso destino, un 15-20 euro/t sotto gli omonimi Comunitari; i panificabili superiori, senza pressioni, a sconto di 2-4 €/t ed i “misti”, ricercati e ben tenuti, attorno ai 230 €/t. Le origini estere perdono competitività per l’indebolimento dell’euro: gli “spring” su Bologna tornano a 268 €/t (+3).

 

tendenze del mercato dei cereali del 24 gennaio 2019

Grano duroterra e vita

Settimana di prezzi invariati al Centro-Nord in presenza di scarsa offerta dopo i recenti aumenti e domanda cauta nel prendere posizione; al Sud si restringe lo “spread” tra quotazioni min-max con aumenti di 2 €/t dei minimi. Il panorama è ormai definito come semine Italia e stime 2019 (in calo sul 2018) e gli operatori sono intenti a definire le disponibilità di prodotto nazionale e le strategie di scambio per l’ultimo quadrimestre di campagna. Il Fino al Sud quota sui 250 €/t reso, mentre Bologna e Milano lo quotano sui 240-245 €/t; gli slavati al Sud scontano sul Fino un 15-30 €/t. In lieve rafforzamento i Comunitari CIF tra 235 e 240 €/t e gli esteri proteici oltre i 260 €/t.

 

tendenze del mercato dei cereali del 24 gennaio 2019

Maisterra e vita

Stagnazione negli scambi e assenza di variazioni per il prodotto nazionale, con il quadro di campagna ormai definitivo, salvo qualche minimo completamento di copertura. I venti e le incertezze mondiali, rendono volatili i valori dei “rimpiazzi”, ma la scarsa domanda congela di fatto le quotazioni sulle borse merci. Il mais “generico” reso Nord-Est a 183-184 €/t (su Milano 187-188 €/t) ed il mais “con caratteristiche” a premio di 2-3 €/t. Comunitari con caratteristiche sui 187 €/t (191 €/t su Milano); Ucraino reso destino sui 186 €/t (Ager) e 193 €/t (Granaria di Milano).

 

tendenze del mercato dei cereali del 24 gennaio 2019

Cereali foraggeri e oleaginoseterra e vita

Cereali foraggeri: poco o nulla di nuovo da riportare con il mercato interno stabilizzato nei prezzi e poco recettivo degli eco Comunitari (export) e valutari. Domanda ormai coperta ed offerta locale limitata. Gli orzi pesanti restano sui 230-234; i teneri, tenuti, sui 230 €/t ed il sorgo sui 205 €/t arrivo. Oleaginose: il yo-yo della disputa USA-Cina e le notizie dal Sud America non incidono sulla soia nazionale stabile a 348-350 €/t arrivo Nord Italia; l’estera vale reso sotto i 345 €/t.

Cereali, frumento tenero e duro pressoché inchiodati - Ultima modifica: 2019-01-28T09:45:37+00:00 da Terra e Vita

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome