Riso: concia e strategie preventive per il controllo del brusone

Grave attacco di brusone del riso causato da Pyricularia oryzae. Le infezioni che si verificano al “collo” del panicolo sono le più dannose per coltura in quanto tutto il panicolo si dissecca rapidamente
Massimo sforzo per trovare alternative al triciclazolo, il fungicida cardine nella difesa contro questa pericolosa malattia del riso. Ecco le soluzioni sia per il bio che per il convenzionale

Il brusone, il cui agente causale è Pyricularia grisea, rappresenta la più grave patologia fungina del riso ed è in grado in annate particolarmente favorevoli di portare a perdite produttive anche del 50%.

Articolo pubblicato sulla rubrica L’occhio del Fitopatologo di Terra e Vita

Abbonati e accedi all’edicola digitale

I danni sulle piante

La malattia può colpire tutti gli organi della pianta (foglie, guaine, culmo e spighe).

Sulle foglie e sulle guaine i sintomi si presentano come tacche strette e allungate di colore inizialmente brunastro, che col tempo e il progredire dell’infezione, necrotizzano al centro assumendo una colorazione marrone-grigiastra, e si contornano di un alone brunastro.

Sul culmo, nella parte basale e al livello dei nodi, possono comparire imbrunimenti che rivelano la presenza del micelio, mentre analoghe necrosi possono manifestarsi sul “collo”, alla base del panicolo.

In condizioni favorevoli, il fungo sporula al centro delle lesioni sulle cultivar sensibili mentre questo avviene più raramente sulle cultivar più resistenti. I conidi che si producono sulle lesioni, in genere, si estendono oltre la superficie di queste e conferiscono agli organi colpiti un aspetto grigio polverulento.

I conidi sono prodotti dopo diverse ore di elevata umidità e vengono liberati durante le ore mediane della giornata dando seguito a più cicli infettivi secondari. Le piante colpite appaiono stentate, ingiallite mentre le spighe gravemente colpite possono divenire sterili. In caso di attacchi tardivi le cariossidi non maturano completamente.

Condizioni predisponenti

La sporulazione del fungo avviene sulle graminacee spontanee, semente e residui colturali infetti, con temperatura di 25-28 °C e elevata umidità relativa o prolungate bagnature.

Le spore asessuate (conidi) vengono disperse, con temperatura di 21 °C circa, da vento e pioggia o rugiada la cui durata superi le 10-12 ore.

Quando i conidi si depositano sui tessuti vegetali suscettibili, durante le ore notturne con temperatura ottimale di 25-28 °C e saturazione dell’aria, germinano producendo un tubetto germinativo e un appressorio.

La penetrazione del fungo avviene con temperature ottimali di 24 °C e da periodi prolungati di elevata umidità (più di 12 ore con Ur > 90%), condizioni facilmente raggiungibili in risaie allagate. Dalla infezione alla manifestazione dei primi sintomi il fungo, con temperature ottimali di 26-28 °C, impiega mediamente 5-7 giorni.

I principi attivi disponibili

Le strategie ci controllo chimico della malattia prediligono, da una parte, la concia delle sementi (obbligatoria nei Disciplinari di produzione Integrata per il controllo delle malattie fogliari) per prevenire l’infezione delle piantine dopo la germinazione, dall’altra l’applicazione preventiva di fungicidi per prevenire l’infezione dell’apparato fogliare e delle spighe durante la fase fenologica a maggior rischio (fra botticella e spigatura).

Oggi, vi è la spasmodica ricerca nel trovare valide alternative al triciclazolo, il fungicida considerato cardine nella difesa contro questa pericolosa malattia.

I principi attivi attualmente autorizzati sono rappresentati da flutriafol (ammessi 1-2 interventi il primo alla comparsa dei primi sintomi, ripetendo il trattamento all’emissione della pannocchia), procloraz, pyraclostrobin, azoxystrobin e trifloxystrobin (ammessi 1-2 interventi all’anno tra la botticella e la fine della spigatura) e dalla miscela di azoxystrobin+difenconazolo (ammessi 2 interventi all’anno tra botticella e inizio fioritura). Tutti sono autorizzati anche per il controllo dell’Elmintosporiosi, e con un massimo di 2 trattamenti all’anno nei Disciplinari di Produzione Integrata.

Recentemente, a questi si devono aggiungere Thiopron, a base di zolfo (2-3 applicazioni nella fase compresa tra la formazione del panicolo e lo sviluppo delle cariossidi) e Serenade Max (a base di Bacillus subtilis ceppo QST 713).

Entrambi possono essere utilizzati in agricoltura biologica. Al momento, come supporto alle decisioni per tecnici e agricoltori sono disponibili modelli previsionali in grado di allertare sulle condizioni climatiche più favorevoli per le infezioni per posizionare tempestivamente gli eventuali trattamenti.

Riso: concia e strategie preventive per il controllo del brusone - Ultima modifica: 2020-07-24T15:14:52+02:00 da K4

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome