Piogge, crescono i grandi laghi ma il Po è ancora al 30% della media

Piove finalmente a nordovest ma la Calabria entra in grave siccità e in Umbria si seccano le sorgenti. L’Osservatorio Anbi sulle risorse idriche segnala una situazione a macchia di leopardo

Piove finalmente a NordOvest, ma è dichiarato lo stato di siccità severa nel Centro Italia ed in Calabria: sono queste le due facce, segnalate dal report settimanale dell’Osservatorio Anbi sulle Risorse Idriche, in un Paese che si conferma a più velocità anche nelle disponibilità d’acqua.

Piogge ristoratrici

Le maggiori precipitazioni si sono registrate nella fascia settentrionale della Lombardia tra le province di Varese, Como, Lecco, Sondrio, Bergamo, ma anche in Valle d’Aosta, lungo la linea di confine con la Francia, dove su alcune località sono caduti fino a 170 millimetri di pioggia, mentre sul resto della regione se ne sono registrati una sessantina. La portata della Dora Baltea cresce così di oltre 100 metri cubi al secondo.

In Piemonte, le piogge si sono concentrate soprattutto sui monti. Sul macrobacino del Ticino sono caduti circa 148 millimetri di pioggia e su quello della Dora Baltea mm 86,3, ma a Torino, Asti e Alessandria non si è raggiunto il millimetro. Ne consegue che crescono in maniera significativa la portate di Sesia, Stura di Lanzo, Pesio, mentre restano azzerate quelle di Ellero ed Orba, così come Bormida e Varaita superano di poco il metro cubo al secondo.

Analogo discorso vale in Lombardia, dove a secco è rimasta la Pianura Padana dove nei 15 giorni scorsi sono caduti 12 millimetri di pioggia a Milano, 5 millimetri a Pavia e non è mai piovuto a Brescia.

Cresce il livello dei grandi laghi

Per quanto riguarda i grandi laghi, quello di Como è cresciuto di quasi un metro in una settimana, passando dal 9,4% di riempimento all’attuale 71,8%, grazie a precipitazioni di oltre 200 millimetri in 4 giorni nelle zone attorno al bacino (oltre 300 mm a Garzeno). A beneficiarne è anche il fiume Adda, che in una settimana ha visto quintuplicare la portata. Pur restando sotto media crescono anche i livelli del lago Maggiore (quasi mezzo metro in più, salendo dal 19,3% al 56% di riempimento) e del Sebino (27,9% di riempimento), mentre il Benaco resta invece sostanzialmente stabile al 22,9% della capacità.

Pur nella perdurante assenza di fenomeni meteorici di rilievo, i livelli dei corsi d’acqua del Veneto sono tornati a crescere di qualche centimetro come non accadeva da tempo e l’Adige è rientrato in media dopo mesi di record negativi (fonte: ARPA Veneto)

Po sotto i minimi storici

Nonostante un quadro complessivamente migliorato al Nord, resta grave la condizione del fiume Po, le cui portate addirittura calano al rilevamento finale di Pontelagoscuro, restando al di sotto del minimo storico mensile con un deficit del 72% sulla media storica!

Ad eccezione dell’Enza, continuano ad essere in grave sofferenza idrica i corsi d’acqua dell’Emilia-Romagna, le cui portate sono al di sotto delle medie e prossime ai minimi storici in un territorio, che per metà non ha visto alcuna pioggia ottobrina e per l’altra metà ha ricevuto solo precipitazioni minime in un mese generalmente deputato a rimpinguare le riserve idriche.

Centro Italia in difficoltà

La situazione addirittura si aggrava, scendendo in Centro Italia, dove il Sud della Toscana, l’Umbria, il Nord del Lazio (Tuscia e Reatino) così come la provincia di Frosinone ed il Sud delle Marche soffrono ancora per la carenza idrica, tanto che la competente Autorità di bacino distrettuale le definisce a “siccità severa”.

«Essendo in autunno, periodo generalmente piovoso, c’è da preoccuparsi per la ricarica della falda e per la prossima stagione irrigua, condizione prima per l’incremento dell’autosufficienza alimentare» commenta Francesco Vincenzi, presidente di Anbi.

In Toscana tutti i fiumi sono in forte calo di portata ad eccezione dell’Arno. Si conferma, in particolare, l’andamento ormai torrentizio del Serchio che, dopo settimane in forte ripresa, si è stabilizzato su una portata ben al di sotto del Minimo Deflusso Vitale (oggi scorrono 3,5 metri cubi al secondo contro un MDV fissato a 6,6 mc/s).

In Umbria è critica perfino la condizione delle sorgenti, alla cui portata complessiva mancano 455 l/sec. rispetto al fabbisogno medio del territorio. È in leggera decrescita la portata nell’alto corso del fiume Tevere, mentre il livello del lago Trasimeno (-1,55 m)  resta abbondantemente  sotto la soglia di criticità (-1,20 m).

Calano anche i livelli dei laghi di Bracciano e Nemi nel Lazio, così come la portata del fiume Aniene, mentre cresce leggermente quella del Tevere e del Sacco.

Meridione, situazioni difformi

In Abruzzo, dove il bilancio idroclimatico risulta essere in rosso, è pressoché “a secco” il bacino di Penne, esaurito dopo aver assolto alla funzione irrigua in una stagione particolarmente difficile.

In Campania lo stato dei corpi idrici offre informazioni difformi. I flussi nel fiume Sarno sono in calo, ma sono in crescita quelli di Volturno e Garigliano. Aumentano i volumi idrici, trattenuti nel lago di Conza sul fiume Ofanto, ma diminuiscono quelli nei bacini del Cilento sul fiume Alento.

Mentre in Puglia si avvia a conclusione la stagione irrigua con i principali invasi, che ancora conservano oltre 33 milioni di mc in più rispetto all’anno scorso, nella vicina Basilicata i bacini continuano a rilasciare circa 1 milione di mc d’acqua ogni giorno a testimonianza di un clima estivo, che non accenna a finire (l’annunciato anticiclone “Monster” manterrà temperature sui 30 gradi anche nei prossimi giorni).

In Calabria, infine, la situazione climatica si è fatta molto difficile con uno scenario di severità idrica, classificato da moderato ad alto: fiumi e i laghi sono in grande sofferenza idrica soprattutto nella Sila, dove la pioggia latita ormai dalla scorsa estate. Non va meglio nelle città capoluogo, il cui deficit pluviometrico va dai 150 mm di Reggio Calabria agli oltre 400 millimetri di Vibo Valentia e Crotone, nella cui provincia sono forti le preoccupazioni sia per gli usi idropotabili che per l’irrigazione delle produzioni orticole stagionali. I livelli nei bacini delle dighe di Sant’Anna e monte Marello sono in deficit rispetto agli anni scorsi. Il persistere di alte temperature (fino a 31 gradi nelle aree interne con +8° rispetto alla media del periodo) e l’assenza di precipitazioni all’orizzonte fanno incombere uno stato d’emergenza idrica a breve.

Ulteriori dati ai seguenti link

Monitoraggio risorse Canale Emiliano-Romagnolo

Bollettino Aipo fondali e idrometri del Po

Piogge, crescono i grandi laghi ma il Po è ancora al 30% della media - Ultima modifica: 2022-10-27T12:54:44+02:00 da Alessandro Maresca

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome