Compag su Dpcm blocco totale: salvi i mezzi di produzione

Compag ha ottenuto che fosse possibile per le aziende agricole continuare ad approvvigionarsi di sementi, agrofarmaci e fertilizzanti

Relativamente all'ultimo Dpcm, che ha decretato il blocco totale delle attività non essenziali, salvaguardando agricoltura e produzione alimentare, Compag si è rivolta al Mipaaf ottenendo anche, si legge in una nota della Federazione nazionale delle rivendite agrarie, garanzie sull'apertura dei punti di vendita, e quindi sulla continuità della fornitura dei mezzi di produzione.

Il blocco totale degli esercizi commerciali (diversi da quelli essenziali, cibo e sanità) stabilito dall’ultimo Dpcm e annunciato ieri, 11 marzo, dal premier, Giuseppe Conte, in diretta Facebook, ha riconosciuto il ruolo fondamentale del settore agricolo e zootecnico che resta tutelato sia nel ritiro dei prodotti, sia nell’approvvigionamento di beni e servizi per la produzione alimentare.

 

 

Il video messaggio del Premier

Fin qui tutto chiaro se non fosse che nel decreto d'emergenza sarebbero potute restare incerte  alcune attività, come quelle delle rivendite agricole, indispensabili perchè riforniscono le aziende agricole di sementi, agrofarmaci e fertilizzantili da sempre garanti del settore alimentare italiano.

 

 

Garantita la fornitura dei mezzi di produzione

Compag, la federazione nazionale delle rivendite agrarie, ha immediatamente lanciato l’allarme per fermare la proposta di chiusura totale dei punti vendita e ottenuto che le aziende agricole continuassero ad avere la possibilità di approvvigionarsi presso i propri fornitori. Restano valide le precauzioni e le norme per contrastare la diffusione dell’epidemia in corso.

«L’ultimo decreto è ancora più stringente dei precedenti - ha sottolineato Compag in una nota che lancia l'allarme e mette in guardia dal rischio - di vedere andare in default l’intera economia agricola italiana».

Le rivendite agrarie escluse dal blocco

Compag ha fatto sapere che è «corsa prontamente ai ripari appellandosi al ministero delle Politiche agricole affinché dalla misura venissero escluse le rivendite agrarie, la cui chiusura avrebbe inevitabilmente innescato un circolo vizioso di eventi infelicemente concatenati che avrebbe portato alla paralisi del più importante settore economico del paese».

Obiettivo, salvaguardare il raccolto della campagna 2020-21

È risaputo, come si legge sempre nella nota - che la maggior parte dell’attività agricola si realizza nel periodo della primavera-estate. La primavera, in particolare, assume un ruolo cruciale in agricoltura perché in quei mesi prende il via la produzione dell’intero anno, con la semina delle colture intensive e la fioritura delle piante perenni, dai frutteti alla vite.

Se queste fasi produttive non venissero opportunamente curate, il raccolto andrebbe perduto, come ha sottolineato sempre Compag, e conseguentemente compromesso anche l’approvvigionamento alimentare dei prossimi mesi e dell’autunno-inverno 2020-21.

 

Compag su Dpcm blocco totale: salvi i mezzi di produzione - Ultima modifica: 2020-03-12T16:28:09+01:00 da Francesca Baccino

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome