Sempre più idroponica in serre semichiuse

idroponica in serre semichiuse
Lattuga in serre semichiuse
Marc Celis, di Rijk Zwaan: «Una vera svolta nella coltivazione della lattuga»

Le serre semichiuse rappresentano per Marc Celis, crop specialist di Rijk Zwaan, il prossimo passo nella coltivazione high-tech degli ortaggi a foglia. «Nonostante questo tipo di serre sia nato per la coltivazione di frutta, sono sempre di più i produttori che scelgono di utilizzarle per produrre lattuga in idroponica. Negli Usa, in Canada, Giappone ed Europa, la produzione in serre semichiuse è associata all’utilizzo del sistema Nft (Nutrient film technique) e talvolta all’aggiunta di sistemi di illuminazione artificiali per incentivare o controllare la crescita delle piante in determinati periodi, al fine di favorire la produzione durante tutto l’anno».

Le serre semichiuse continuano a riscuotere successo tra i produttori perché consentono di produrre ortaggi sicuri e di alta qualità. I sistemi di areazione posti al di sotto delle grondaie permettono di controllare perfettamente i valori di temperatura e di umidità.

Quest’ultima viene ridotta anche grazie ai sistemi di climatizzazione che evitano la formazione di funghi; la leggera pressurizzazione all’interno della serra e le reti a maglia fitta tengono a bada gli insetti. In questo modo si evita il ricorso ai pesticidi. Le serre a clima totalmente controllato rappresentano la soluzione ideale per i climi caldo-umidi.

Rijk Zwaan segue i produttori nella scelta degli ortaggi e delle varietà che meglio si adattano a questo tipo di coltivazione.

«Consigliamo varietà resistenti al tip burn e a crescita rapida come le Salanova® Bobal RZ, Stefano RZ o Xem RZ».

Il crop specialist ritiene che l’impiego di serre semichiuse decollerà nei prossimi 5-10 anni. «La resa della lattuga è più alta e questo equivale a un buon ritorno sugli investimenti – aggiunge Celis –. Inoltre, la qualità del prodotto è migliore, così come l’affidabilità del raccolto. La lattuga prodotta nelle serre idroponiche ha un costo notevolmente più basso rispetto a quella coltivata tradizionalmente. Sebbene sia necessaria l’elettricità per abbassare la temperatura e ridurre l’umidità, le serre semichiuse godono di abbondante luce solare. Naturalmente le serre tradizionali rappresentano ancora la soluzione più indicata laddove le condizioni sono sfavorevoli, ad esempio in zone soggette a forti grandinate o a terremoti, ma credo fortemente che questi due mondi così diversi si avvicineranno gradualmente fino a far fondere le rispettive tecniche».

Per informazioni Rijk Zwaan Italia

 

Sempre più idroponica in serre semichiuse - Ultima modifica: 2019-07-19T14:54:13+00:00 da Terra e Vita

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome