Giansanti prende la Tav e raggiunge la manifestazione sì-Tav

tav
Massimiliano Giansanti, presidente di Confagricoltura, corre da Bologna a Torino: «L'Italia investe poco e i ritardi infrastrutturali pesano sulla competitività delle imprese agricole»

«L’agricoltura italiana ha bisogno di un sistema infrastrutturale moderno ed efficiente, che garantisca la piena mobilità di persone e merci e l’accessibilità all’Europa di tutte le aree del territorio nazionale, rendendo il Paese competitivo sui mercati internazionali». Il presidente di Confagricoltura Massimiliano Giansanti, presente stamattina all’incontro di Bologna sulla Food Valley (leggi qui), ha approfittato dei collegamenti ferroviari dell’alta velocità (per l’appunto) per correre a Torino e intervenire alla manifestazione alle Ogr (Officine grandi riparazioni) a favore della Tav.

tav
Massimiliano Giansanti

Giansanti ha ricordato che nell’Europa a 28 l’Italia è al 21° posto per quanto riguarda le strutture portuali e aeroportuali, al 19° per quelle ferroviarie, al 18° per la rete stradale. E la copertura internet interessa solo il 77% del territorio, contro una media europea dell’82%.

Crollo degli investimenti

«Con questi numeri - ha detto il presidente di Confagricoltura – sono evidenti le ricadute in termini di competitività sul nostro sistema agricolo ed agroalimentare».

Negli ultimi 10 anni gli investimenti infrastrutturali in Italia sono calati in maniera costante. Nel 2007 ammontavano a 13,66 miliardi di euro, nel 2010 a 3,39 miliardi di euro, nel 2015 a 5,15 miliardi di euro; mentre la Germania, sempre nello stesso anno, era a 11,69 miliardi di euro, la Francia a 10,01 miliardi di euro e l’UK a 9,07 miliardi di euro.

Passaggio a Nord Ovest, uno snodo cruciale

«Inoltre – ha aggiunto Giansanti - il 57,7% degli scambi internazionali dell’Italia avviene con gli altri Paesi dell’Europa. In tale contesto, la macroregione subalpina del Nord Italia e del Centro-Est della Francia è uno snodo cruciale dell'economia continentale e come tale meriterebbe, non solo un progetto di più forte e articolata cooperazione italo-francese, ma anche il completamento di tutte le opere infrastrutturali, TAV in primis, che possano rendere quest'area più moderna e competitiva. Senza contare che le quattro regioni del Nord d’Italia contribuiscono per il 62% al Prodotto interno lordo dell’agricoltura».

L’Italia fuori dal gap

«Al di là dei Si e dei No - ha concluso il presidente di Confagricoltura – noi siamo per l’Italia. Un’Italia che ha un impellente bisogno di interventi infrastrutturali sulle sue reti, sul trasporto, sulla banda larga, sulle città, sugli investimenti immateriali, sulla ricerca scientifica. Superare il gap infrastrutturale significa permettere di avere imprese più competitive e quindi un maggiore sviluppo dell’intero Paese».

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome