Edagricole al fianco dell’agricoltura che resiste

La nostra redazione apre spazi di confronto, sia nelle edizioni cartacee che digitali delle nostre riviste per mettere in evidenza le idee vincenti per resistere e ripartire: la terra non si ferma mai. Contribuisci al nostro sforzo segnalando le esperienze e le storie dell'#AgricolturaCheResiste

Dopo solo un mese di emergenza coronavirus lo sciame virale ha travolto noi come tutti.

 

 

Noi di Edagricole siamo #semprepresenti, consapevoli dell’importanza anche del nostro contributo per portare informazioni chiare, certe, tempestive in un momento di estrema difficoltà.

 

 

L'editoriale di Terra e Vita 12

Abbonati e accedi all’edicola digitale

La nostra agenda delle priorità è però cambiata radicalmente, abbiamo dovuto resettare i pensieri come sanno fare gli agricoltori e gli allevatori dopo un’alluvione, una grandinata o un’emergenza sanitaria animale.

Non possiamo ancora sapere quali conseguenze avrà sulla nostra storia e su quella dell’agricoltura italiana la prima pandemia del nostro secolo, ma sappiamo che da oggi in poi saremo ancora più vicini ai nostri lettori, di cui siamo orgogliosi.

Gli agricoltori sono essenziali,
la società civile se ne sta accorgendo

La società civile, improvvisamente, si sta rendendo conto di quanto l’agricoltura e le filiere agroalimentari siano strategiche, come sanità, trasporti, energia e altri settori essenziali che oggi continuano eroicamente a far fronte a questa crisi.

Noi lo abbiamo sempre saputo. Il nostro comparto produce energia per la vita come recitava lo slogan dell’Expo 2015, oggi più che mai d’attualità.

Sì, abbiamo problemi enormi. Innanzitutto per le gravi perdite di affetti, conoscenze ed esperienze che, giorno dopo giorno, vengono registrate nei tragici bollettini della protezione civile e che, in certe zone, stanno colpendo anche molte famiglie di produttori agricoli.

E poi a causa dell’azzeramento dei consumi nel canale Ho.Re.Ca., cali drastici nell’export, nel reperimento di manodopera, settore florovivaistico praticamente bloccato, prezzo del latte ai minimi, mercati ortofrutticoli chiusi e mille altre situazioni complicatissime, ma il nostro settore è fatto da persone concrete che con determinazione, intelligenza e forza d’animo si rimboccano le maniche e riescono a trovare le strategie per non fermarsi.

Idee vincenti per resistere e ripartire

È l’#AgricolturaCheResiste, l’agricoltura che non si ferma mai, né in tempo di pace né in tempo di guerra, non si ferma in epoca di benessere né in quella delle emergenze come questa perché ha una responsabilitá e una missione sociale troppo importante.

La nostra redazione ha aperto spazi di confronto, sia nelle edizioni cartacee che digitali delle nostre riviste per scambiare idee vincenti e resistere: la terra non si ferma mai.

Inoltre proseguiamo con gli spazi dedicati all’innovazione e alla formazione perché domani, ancor più di oggi, saranno fondamentali per recuperare tempi e business perduti.

Perché l’agricoltura è un settore oggi in piena evoluzione, con tanti giovani che stanno cambiando il modo di pensare e di lavorare delle aziende e chiederemo a gran voce anche a chi ci governa a livello locale, nazionale ed europeo di sostenere in maniera consistente il loro impegno.

Dovremo affrontare le nuove sfide con armi adeguate, e premiare chi ha nuove idee per rilanciare l’economia e rinsaldare la coesione sociale di questo Paese partendo dal comparto primario.

L’iniziativa l’#AgricolturaCheResiste punta proprio a questo. Aiutaci in questo sforzo segnalando le idee e le esperienze di chi ha voglia di ripartire mandando una mail a agricolturacheresiste@newbusinessmedia.it

Edagricole è e sarà a fianco degli agricoltori.

Edagricole al fianco dell’agricoltura che resiste - Ultima modifica: 2020-04-02T20:07:49+02:00 da K4

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome