L’agricoltura sostenibile è donna

I programmi di Fao, Ifad, Pam contro la fame nel mondo e per il miglioramento delle tecniche di produzione funzionano solo dove alle donne agricoltrici è garantito l’accesso al credito, agli input di produzione e alla gestione d’impresa.

La Fao di Roma insieme alle altre agenzie delle Nazioni Unite e cioè Ifad (fondo internazionale per lo sviluppo agricolo) e Pam (agenzia per gli aiuti alimentari) , hanno affermato che il ruolo delle donne e il riconoscimento dei loro diritti sono fondamentali per garantire la protezione di sistemi alimentari globali sostenibili.

 

 

Potere alle agricoltrici

Le agenzie di Roma delle Nazioni Unite dedicate all'alimentazione e all'agricoltura hanno quindi chiesto un'azione più audace per raggiungere l'uguaglianza di genere e dare potere a donne e ragazze nel settore agricolo e nei settori collegati. «La protezione – sottolinea la Fao - di sistemi alimentari globali sostenibili è possibile solo se le donne di tutto il mondo vedono i loro diritti riconosciuti e rispettati».

Qu Dongyu, ex viceministro cinese e attuale leader della Fao

«Continueremo a fare la sua parte, - dichiara il Direttore Generale della Fao QU Dongyu - in collaborazione con altri, nel rafforzamento della parità di genere, nella realizzazione dei diritti delle donne e nell'accelerazione del loro potenziamento socio-economico. Solo così raggiungeremo il nostro obiettivo comune: sradicare la fame, garantire la sicurezza alimentare, eliminare tutte le forme di malnutrizione e rendere questo mondo un posto migliore ».

Un accesso più limitato a credito e input

Le donne, specialmente nelle zone rurali, sono fondamentali nella lotta contro la fame e la malnutrizione e nel rendere i sistemi alimentari più produttivi e sostenibili.

Coltivano il cibo, riducono le perdite alimentari, rendono le diete più diverse e i prodotti agricoli più commerciabili lungo le catene del valore agroalimentare. Tuttavia, in molte parti del mondo le donne continuano a subire significative discriminazioni sociali ed economiche.

Spesso non hanno accesso a risorse produttive, input agricoli, informazioni, finanza, servizi, mercati, protezione sociale e know-how tecnologico e imprenditoriale. Inoltre, molte donne rurali sono le principali badanti delle loro famiglie, il che significa che devono affrontare carichi di lavoro pesanti che minano la loro capacità produttiva e il benessere generale.

I risultati ottenuti

Dall’esperienza accumulata dalla Fao e dalle altre due agenzie nell’attuazione di specifici programmi alimentari emerge invece la maggiore affidabilità delle donne delle aree rurali. «Quando hanno un migliore accesso a risorse, servizi, opportunità economiche e processo decisionale, i risultati sono palpabili: le comunità hanno più cibo, il loro stato nutrizionale migliora, i redditi rurali aumentano e i sistemi alimentari diventano più efficienti e sostenibile».

Ad esempio, quasi 50.000 persone, due terzi delle quali donne e, per estensione, oltre 300.000 familiari in sette paesi  e cioè Etiopia, Guatemala, Kirghizistan, Liberia, Nepal, Niger e Ruanda, hanno aumentato la loro produzione agricola e lo stato nutrizionale delle loro famiglie così come i loro redditi grazie a un programma congiunto FAO, IFAD, Pam e ONU delle donne che ha comportato lo sviluppo di capacità, il supporto tecnico e la promozione di approcci sensibili al genere nelle istituzioni rurali e politiche agricole sensibili al genere.

Le donne nel settore agroalimentare nei Paesi in via di sviluppo

  • Il settore agricolo sta registrando una performance inferiore in molti paesi in via di sviluppo e uno dei motivi è che le donne non hanno lo stesso accesso degli uomini agli input, alle risorse, ai servizi e alle opportunità di cui hanno bisogno per essere più produttive.
  • Le donne rappresentano quasi il 50% dell'occupazione in agricoltura nei paesi a basso reddito.
  • Le donne rappresentano meno del 15 percento di tutti i proprietari terrieri, dove sono disponibili dati.
  • Rispetto ai contadini maschi, le contadine gestiscono in genere piccoli appezzamenti di terra e hanno meno accesso alle informazioni agricole, ai servizi finanziari e ad altre risorse chiave.
  • Più di 820 milioni di persone non hanno abbastanza cibo da mangiare e in tutti i continenti le donne hanno maggiori probabilità rispetto agli uomini di essere colpite da insicurezza alimentare moderata o grave.
  • Le donne rurali affrontano rischi maggiori e maggiori oneri derivanti dagli impatti dei cambiamenti climatici.
L’agricoltura sostenibile è donna - Ultima modifica: 2020-03-07T21:02:50+01:00 da Lorenzo Tosi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome