Cimice, il pero è già sotto scacco

Cimice asiatica già presente in massa su pero
Già segnalati danni precoci nel Ferrarese. Stefano Calderoni (Cia): «La lotta per debellare la cimice asiatica non è una corsa veloce ma una maratona». E riguardo agli indennizzi: «Insufficienti le risorse del Mipaaf»

Alla vigilia dei lanci del parassitoide Vespa samurai, la cimice asiatica è tornata all'attacco nel Ferrarese. In particolare ai danni delle coltivazioni di pere. L'Sos arriva dalla Cia di Ferrara che sottolinea come le risorse messe a disposizione dal Mipaaf e la ricerca di antagonisti, come la vespa samurai, siano «insufficienti a contenere un fenomeno che anche quest'anno sarà probabilmente aggressivo e difficile da contenere».

Danni già evidenti

In queste settimane, denunciano gli agricoltori, la cimice asiatica ha ricominciato a colpire

 

 

Stefano Calderoni

la pericoltura. Numerose le segnalazioni delle aziende agricole nell'area del Copparese anche se il fenomeno caratterizza tutta la provincia.

«La lotta per debellare la cimice asiatica - sottolinea all’Ansa Stefano Calderoni, presidente di Cia Ferrara - non è una corsa veloce, ma una maratona». Servono, aggiunge, «più fondi per chi ha subito danni. I 40 milioni di euro stanziati quest'anno e gli altri 20 milioni negli anni 2021 e 2022 non bastano e i criteri per accedere sono quantomeno discutibili».

Cimice, il pero è già sotto scacco - Ultima modifica: 2020-06-10T23:26:12+02:00 da Lorenzo Tosi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome