Epap, numeri positivi dal 2020. Patrimonio netto in crescita del 2,5%

Epap
Risultato soddisfacente tenuto conto dei mancati versamenti previdenziali a causa della pandemia. L'avanzo di gestione è stato di 2,78 milioni

Avanzo di gestione di 2,78 milioni di euro e patrimonio netto di 114,6 milioni (pari all’11% circa dei fondi istituzionali), in crescita del 2,5% rispetto al 2019. Questi i dati più salienti del bilancio consuntivo 2020 dell'Epap, la Cassa di previdenza e assistenza di agronomi, forestali, geologi, chimici e attuari, approvato nei giorni scorsi.

"Il risultato, di per sé già buono, migliora ulteriormente il suo valore in termini di soddisfazione, considerando che è stato raggiunto in presenza di rivalutazioni dei fondi istituzionali in crescita del’11,9% rispetto al 2019 attestandosi a 17,30 milioni di euro – si legge in una nota dell'ente – anche per effetto di circa 510.000 euro di rivalutazione dei 27 milioni relativi all’extra-rendimento finanziario distribuito sui montanti degli iscritti nello scorso esercizio".

 

 

"Positivo e soddisfacente" viene anche valutato l’esito della gestione finanziaria che chiude l’anno con un "lusinghiero 3,45% lordo a valori di mercato (2,67% netto)". Il 2020 ha visto per il primo anno il pieno funzionamento del comparto investimenti dedicato con un rendimento netto del 3,40%.

Un anno senza entrate contributive

"I risultati sono stati tanto più significativi se si considera che sono stati ottenuti senza i capitali delle entrate contributive 2020 – fa notare Epap – in buona parte arrivate al termine dell’anno, senza l’investimento della liquidità giacente 2019 in quanto utilizzata per anticipare i sussidi Covid e per le prestazioni obbligatorie dell’ente, con le riscossioni coattive sospese dal DL 18/2020".

Concrete, tempestive e consistenti sono state le azioni messe in campo dall’ente per fronteggiare gli effetti la crisi pandemica, incrementando di oltre il 40% le provvidenze agli iscritti, che sono passate da 593.000 euro del 2019 ad oltre 847.000 euro nel 2020 ed erogando circa 423.000 euro di sussidi “Covid-19” a 385 iscritti. Solo per sussidi statali l’Ente ha inoltre anticipato 16,8 milioni di euro per circa 22.639 sussidi.

«Esprimo piena soddisfazione per i risultati raggiunti nonostante gli effetti della pandemia che hanno caratterizzato il 2020 e ancora oggi presenti – ha commentato il presidente di Epap Stefano Poeta –. Il nostro impegno per andare incontro alle necessità degli iscritti proseguirà nel 2021».

 

Epap, numeri positivi dal 2020. Patrimonio netto in crescita del 2,5% - Ultima modifica: 2021-05-03T10:23:54+02:00 da Terra e Vita

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome