Tutti gli incentivi agricoli della manovra 2019

incentivi agricoli
Il ministro Centinaio
Crescita demografica, energie rinnovabili, vendita diretta. E poi Xylella, catasto frutticolo, riforestazione, promozione e agricoltura 5.0, quella basata sull’intelligenza artificiale. Nell’analisi del corpo della manovra emergono tutti gli indirizzi del governo giallo-verde per il settore primario

Dopo le polemiche parlamentari per le modalità di approvazione, la legge di bilancio è stata varata ed è entrata regolarmente in attuazione con il 1° gennaio 2019.

Il testo definitivo, di non facile lettura, contiene però alcune norme di notevole interesse agricolo che devono però essere ricercate nelle centinaia di commi di cui si compone la legge stessa.

incentivi agricoli
Il ministro Centinaio con i sottosegretari Pesce e Manzato: la squadra che ha elaborato le misure agricole della manovra 2019

Mutui alle famiglie
con almeno tre figli

Al fine di favorire la crescita demografica, una quota del 50 per cento dei terreni agricoli dati in concessione è riservata gratuitamente, per un periodo non inferiore a venti anni, ai nuclei familiari con tre o più figli, almeno uno dei quali sia nato negli anni 2019, 2020 e 2021, ed inoltre ai predetti soggetti è concesso, a richiesta, un mutuo di importo fino a 200.000 euro per la durata di venti anni, a un tasso di interesse pari a zero, per l’acquisto della prima casa in prossimità del terreno assegnato. Per l’attuazione della norma è istituito un fondo rotativo con una dotazione finanziaria iniziale pari a 5 milioni di euro per l’anno 2019 e a 15 milioni di euro per l’anno 2020.

Incentivi per gli impianti di biogas

Ammonta a 25 milioni di euro lo stanziamento per gli impianti di biogas realizzati dagli agricoltori. In particola nella legge appena approvata viene specificato che gli impianti di produzione di energia elettrica alimentati a biogas, con potenza elettrica non superiore a 300 kW e facenti parte del ciclo produttivo di una impresa agricola, di allevamento, realizzati da imprenditori agricoli anche in forma consortile e la cui alimentazione deriva per almeno l’80 per cento da reflui e materie derivanti dalle aziende agricole realizzatrici e per il restante 20 per cento da loro colture di secondo raccolto, continuano ad accedere agli incentivi secondo le procedure, le modalità e le tariffe di cui al decreto del Ministro dello sviluppo economico 23 giugno 2016. L’accesso agli incentivi è condizionato all’autoconsumo in sito dell’energia termica prodotta, a servizio dei processi aziendali.

Riduzioni delle accise per i birrifici artigianali

E’ stata introdotta la riduzione dell’accisa sulla birra da 3 euro a 2,99 euro per ettolitro e grado, e la previsione per i birrifici artigianali di minore dimensione con produzione annua non superiore a 10.000 ettolitri, di poter considerare accertato il prodotto finito a conclusione e non a monte delle operazioni, nonché riduzione del 40 per cento dell’aliquota dell’accisa ordinaria.

Un settore in crescita quello delle birre artigianali che oltre a contribuire all’economia, assicura – precisa la Coldiretti – anche una forte spinta all’occupazione soprattutto tra gli under 35 spesso grazie ad un legame diretto con l’attività agricola di produzione dei cereali utilizzati nella preparazione della birra.

Favorite le vendite dirette

Gli imprenditori agricoli potranno vendere al dettaglio, oltre che in misura prevalente i prodotti di produzione aziendale, soltanto prodotti agricoli e alimentari acquistati direttamente da altri imprenditori agricoli, garantendo così i consumatori circa l’origine dei prodotti acquistati.


Il quadro delle altre misure

  • 1 milione di euro alle aree colpite dalla Xylella
  • 2 milioni per la costituzione del nuovo catasto frutticolo
  • 15 milioni per le applicazioni di Intelligenza artificiale nelle aziende agricole
  • 1 milione per il sostegno della produzione apistica
  • 10 milioni destinati al Fondo della montagna
  • 2 milioni pr la riforestazione
  • 90 milioni per la promozione del Mady in Italy
  • Equiparazione sul piano del trattamento fiscale tra familiari che coadiuvano il coltivatore diretto e titolari dell’impresa coltivatrice diretta
  • Lo stanziamento per il “voucher” di 3 milioni per il 2019 finalizzato a coprire il 50% delle spese sostenute per la rimozione e il recupero degli alberi caduti in occasione delle calamità atmosferiche dello scorso autunno.
  • Detrazione fiscale del 19% per il verde privato costituito da lavori in giardini, cortili condominiali e terrazzi.
  • Per le inderogabili esigenze dell’attività di controllo a tutela della qualità dei prodotti agroalimentari e della reputazione del made in Italy, il Dipartimento dell’Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari del Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo è autorizzato a reclutare e ad assumere un numero massimo di 57 unità di personale

Coldiretti soddisfatta ma preoccupata

«Abbiamo ottenuto importanti risultati per le campagne italiane Ci sono tuttavia preoccupazioni per la mancata previsione di interventi indispensabili per il sostegno alla competitività delle imprese, all’occupazione e all’ambiente - ha affermato il presidente della Coldiretti Ettore Prandini nel denunciare- l’assenza nella legge di stabilità delle misure necessarie a garantire adeguate risorse al Fondo di Solidarietà Nazionale per far fronte alle pesanti calamità che hanno colpito importanti regioni del Paese a partire dalla Puglia con un drammatico calo della produzione di olio».

Ma si registra negativamente anche – ha continuato Prandini – la mancata defiscalizzazione dell’Iva in manovra per tutto il comparto zootecnico nelle aree montane al fine di favorire il presidio del territorio e prevenire il dissesto idrogeologico dopo gli ultimi eventi calamitosi. Non è stata prevista poi la proroga degli sgravi contributivi per i nuovi imprenditori agricoli under 40, mettendo a rischio il ricambio generazionale. Una carenza grave che va al più presto superata in un momento in cui l’agricoltura – ha concluso Prandini – può offrire grandi opportunità per l’occupazione e la crescita economica del Paese.

 

Tutti gli incentivi agricoli della manovra 2019 - Ultima modifica: 2019-01-09T23:23:49+00:00 da Lorenzo Tosi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome