Umbria, un milione per agriturismi e turismo rurale

agriturismi
I contributi copriranno il 70% delle spese sostenute per iniziative promo-commerciali che verranno valutate per qualità, innovazione, capacità di generare occupazione e sviluppo locale, fino a un massimo di 200mila euro

«Le aree rurali dell'Umbria, con le loro bellezze storiche e naturalistiche e con le loro  produzioni enogastronomiche di eccellenza, rappresentano una meta ideale, sicura e accogliente dopo il lungo periodo di limitazione a causa dell'emergenza sanitaria da Covid-19; una grande potenzialità  sulla quale fare leva per incentivare lo sviluppo dei servizi  turistici rurali grazie a un nuovo bando del Psr atto a stimolare la sinergia fra piccoli operatori del comparto che, per dimensioni e struttura, non riescono a mettere in rete e  commercializzare adeguatamente la propria offerta». Con queste parole l'assessore  all'Agricoltura della Regione Umbria, Roberto Morroni, ha presentato il bando per favorire partenariati stabili tra piccoli operatori agrituristici e del turismo rurale, tour operator e  soggetti privati.

Fondi a partenariati di piccole imprese

Il bando è rivolto a partenariati costituiti da piccole imprese, che cioè occupano meno di dieci persone e realizzano un fatturato o bilancio annuo non superiore a due milioni di euro, titolari di strutture ricettive, agrituristiche e non, nelle aree rurali umbre o che esercitano attività connesse al turismo, comprese fondazioni e associazioni con un ruolo consolidato nella valorizzazione turistica e delle risorse ambientali, paesaggistiche, culturali ed  enogastronomiche.

 

 

Per accedere agli aiuti, nella misura del 70% delle spese ritenute ammissibili, i partenariati sono chiamati a presentare proposte promo-commerciali che verranno valutate per qualità, innovazione, capacità di generare occupazione e sviluppo locale. Ogni partenariato ammesso ai benefici potrà avere fino a un massimo di 200mila euro.

«Un bando che risponde all'esigenza delle piccole aziende di fare massa critica organizzandosi, insieme, per ridurre i costi e, soprattutto, per diventare più forti nella  dimensione della qualità - rileva Morroni - aspetto determinante per la ripresa dopo il duro colpo inferto dalle restrizioni anti Covid. La Regione ha destinato un milione di euro a sostegno della cooperazione fra piccoli operatori, anche in vista della stagione estiva che  auspichiamo possa di nuovo consentire la realizzazione di  manifestazioni ed eventi che, da sempre, caratterizzano e comunicano  l'anima dell'Umbria».

Il bando per la selezione dei progetti, da finanziare con la Sottomisura 16.3, tipologia di intervento 16.3.3 del Psr Umbria,  definisce i termini, le modalità di presentazione delle domande, entro 90 giorni dalla pubblicazione, la condizione per la concessione dei  contributi e la disciplina dell'intero procedimento amministrativo. Particolare attenzione, si legge nel bando, "sarà rivolta alla  promozione di un turismo consapevole e sostenibile nelle aree della  rete Natura 2000, così da coniugare la conservazione e il potenziale  economico delle risorse naturali tutelate".

Umbria, un milione per agriturismi e turismo rurale - Ultima modifica: 2021-04-15T17:10:16+02:00 da Terra e Vita

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome