Con il regolamento omnibus rivoluzione nella gestione del rischio

L'aiuto pubblico sale dal 65% al 70% della spesa ammessa, riduzione della soglia di danno dal 30 al 20% e il nuovo strumento di stabilizzazione del reddito “settoriale”.

Settimana importante per la politica di gestione del rischio in agricoltura. Importanti novità nell’accordo raggiunto nel trilogo europeo (Parlamento, Consiglio e Commissione Europea) sul Regolamento Omnibus, con l’aumento del contributo pubblico e l’abbassamento della soglia di danno. Il Mipaaf ha pubblicato il decreto con il quarto lotto di domande di sostegno ammesse a contributo per la campagna 2015 e per l’annualità 2016 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale l’avviso pubblico che consente di presentare la domanda di sostegno per i contributi relativi alla campagna 2016 – produzioni vegetali.

Novità Regolamento Omnibus per la gestione del rischio

Dopo un intenso negoziato tra Parlamento Europeo, rappresentato dai Parlamentari della Commissione Agricoltura, Consiglio e Commissione Europea, l’accordo raggiunto di fatto delinea una vera riforma di medio termine della PAC 2014-2020. Nell’accordo rilevanti cambiamenti anche per la politica di sviluppo rurale e in essa importanti novità per la gestione del rischio in agricoltura.

Primo elemento di grande rilevanza è la possibilità di innalzare l’intensità di aiuto pubblico dal 65% al 70% della spesa ammessa. Questo aumento vale sia per le polizze assicurative a copertura dei danni da avversità atmosferiche, che per i fondi di mutualità e strumenti per la stabilizzazione del reddito (IST) che comunque non hanno ancora visto la luce nel nostro paese.

Secondo elemento di novità che sarà introdotto con il Reg. Omnibus in ambito assicurativo è la riduzione della soglia di danno dal 30 al 20%. Una polizza per poter essere agevolata deve prevedere una soglia di danno del 20% a differenza di oggi dove la soglia è fissata al 30%.

Novità assoluta, è l’istituzione di un nuovo strumento di gestione del rischio: accanto alle polizze assicurative, al fondo di mutualità e l’IST è stato introdotto lo strumento di stabilizzazione del redditosettoriale”. Tale strumento per poter beneficiare del sostegno pubblico dovrà prevedere la possibilità di indennizzo solo se la diminuzione del reddito del settore a cui è dedicato è superiore uguale al 20% su base annua.

Altro elemento di novità riguarda la metodologia con la quale possono essere quantificate le perdite: è stato prevista la possibilità di utilizzare indici economici, sia nel caso delle polizze agevolate sia per i fondi di mutualità che per gli strumenti di stabilizzazione del reddito.

L’ultima novità riguarda i fondi di mutualità e gli strumenti di stabilizzazione del reddito, dove si da la possibilità di utilizzare risorse finanziarie pubbliche sia per la costituzione del capitale iniziale dei fondi sia per l’integrazione annuale, ove si renda necessario. Quest’ultima novità, consentendo agli enti territoriali di poter intervenire nella costituzione del capitale iniziale, rappresenterà sicuramente un impulso alla formazione dei fondi di mutualità e IST settoriali, soprattutto in quei territori dove in questi anni ci sono già state esperienze simili seppur non agevolate con i fondi europei, e l’attenzione della politica rispetto al settore agricolo ed ortofrutticolo è massima.

Il Regolamento Omnibus sarà reso ufficiale entro l’anno ed entrerà in vigore dal 1 gennaio 2018, per cogliere le novità già dalla prossima campagna è necessario che il Piano assicurativo annuale che presto sarà discusso nella Conferenza Stato Regioni, preveda l’automatico aggiornamento dei contenuti non appena il Regolamento sarà ufficiale.

Campagna assicurativa 2015, concessione del sostegno

Il 6 ottobre l’Autorità di gestione con il decreto 25783 ha pubblicato il quarto lotto di domande ammesse al sostegno per un importo complessivo di circa 17,5 milioni di euro. L’elenco è consultabile sul sito del MIPAAF e sul portale SIAN, i beneficiari possono pertanto presentare la domanda di pagamento. Per le produzioni vegetali, campagna 2015, il percorso non è ancora concluso e molte sono le domande di sostegno in attesa di ammissione, mentre mancano ancora la procedure per presentare la domanda di aiuto per il settore zootecnico e per le strutture.

Per la campagna assicurativa 2016, è stato pubblicato il 7 ottobre in Gazzetta ufficiale l’avviso pubblico per presentare le domande di aiuto (vedi TV n. 28) relativo alle polizze produzioni vegetali, termine ultimo per presentare le domande il 5 aprile 2018.

 

*Centro per lo Sviluppo Agricolo e Rurale, Perugia.

 

Con il regolamento omnibus rivoluzione nella gestione del rischio - Ultima modifica: 2017-10-18T11:18:57+00:00 da Dulcinea Bignami

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome