Promozione agroalimentare, al via i bandi Ue

made in Italy
La Commissione Ue ha pubblicato gli inviti a presentare proposte per i programmi per la promozione dei prodotti agricoli. Scadenza: 12 aprile 2018.

Sono 169 i milioni di € che la Commissione dell’Ue ha deciso di investire per il 2018 per la promozione sui mercati comunitari ed extracomunitari dei prodotti agroalimentari europei. Per lo scorso anno lo stanziamento assegnato a questo tipo di iniziative era stato largamente inferiore e pari a soli 142 milioni per cui era stato deciso di dare incremento alla politica di promozione attraverso un sostanzioso incremento della corrispondente linea di bilancio.


La Commissione europea ha pubblicato il 12 gennaio gli inviti a presentare proposte per i programmi per la promozione dei prodotti agricoli europei in tutto il mondo e all'interno dell'Ue stabilendo come termine di presentazione delle richieste di finanziamento il 12 aprile 2018.

I programmi possono riguardare un'ampia gamma di tematiche: da campagne generali sull'alimentazione sana a specifici settori di mercato.

Esistono due tipi di azioni di promozione:

  • quelle gestite da associazioni professionali o interprofessionali europee e cofinanziate dall’Ue. Un'ampia gamma di organizzazioni, come ad esempio organizzazioni di categoria, organizzazioni di produttori e organismi dell'agroalimentare che si occupano di attività di promozione, sono ammesse a presentare domanda di finanziamento;
  • quelle gestite direttamente dalla stessa Ue, fra cui le iniziative diplomatiche da parte del commissario in paesi extra Ue per favorire gli scambi di prodotti agro-alimentari, incentivare la partecipazione a fiere e organizzare campagne di comunicazione che promuovano i prodotti agricoli dell’Ue.

Due terzi dei finanziamenti disponibili per il 2018 sono destinati alla promozione dei prodotti alimentari dell'Ue in paesi terzi, in particolare quelli in cui esiste un notevole potenziale di crescita per le esportazioni agroalimentari dell'Ue, come Canada, Giappone, Cina, Messico e Colombia.

Per i programmi all'interno dell'Ue occorre porre l'accento sull'informazione dei consumatori sui vari regimi ed etichette di qualità dell'Ue, come le indicazioni geografiche o i prodotti biologici. I finanziamenti settoriali saranno destinati ai programmi che promuovono l'allevamento sostenibile, incluso l'allevamento di ovini e caprini. Inoltre, parte dei finanziamenti è stata riservata per le campagne volte a promuovere l'alimentazione sana e il consumo di frutta e verdura.

Infine sono individuate due tipologie di programmi e cioè i cosiddetti programmi semplici che possono essere proposti da una o più organizzazioni provenienti dallo stesso paese Ue, e i programmi multipli che possono essere presentati da almeno due organizzazioni nazionali provenienti da almeno due Stati membri o da una o più organizzazioni europee. Solitamente, le campagne finanziate si sviluppano nell'arco di tre anni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome