Il Pil cala solo in agricoltura, la deflazione è devastante

Nel 2016 i prezzi riconosciuti agli agricoltori sono crollati mediamente del 5,2%

L’agricoltura è l’unico settore a far registrare un calo del valore aggiunto a causa della deflazione che ha avuto effetti devastanti nelle campagne dove i prezzi riconosciuti agli agricoltori sono crollati mediamente del 5,2% nel 2016 e in alcuni casi, come per il grano, non coprono neanche i costi di produzione. È quanto emerge da un’analisi della Coldiretti divulgata in occasione della diffusione dei dati Istat sul Pil dai quali si evidenzia che l’agricoltura con un -0,7% è il settore che fa registrare il calo più elevato del valore aggiunto nel 2016. A pesare, sottolinea Coldiretti, è stato l’andamento dei prezzi pagati agli agricoltori che si sono ridotti del 3,1% negli allevamenti e del 6,7% per le produzioni vegetali con punte del -11,6% dei prezzi dei cereali nella media annua secondo Ismea.

Gli agricoltori nel 2016  hanno dovuto vendere più di 3 litri di latte per bersi un caffè o 15 kg di grano per comprarsene uno di pane, ma la situazione non è migliore per le uova, la carne o per alcuni prodotti orticoli. Nonostante il crollo dei prezzi dei prodotti agricoli in campagna, sugli scaffali i prezzi dei beni alimentari sono rimasti praticamente stabili nel 2016, anche per effetto delle speculazioni e delle distorsioni di filiera nel passaggio dal campo alla tavola.

A incidere sarebbe anche il flusso delle importazioni selvagge, spacciate come made in Italy, che fanno concorrenza sleale alla produzione nazionale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome